Primo Maggio 2017 a Milano: 5 cose da non perdere per chi resta in città

Primo Maggio 2017 a Milano: mostre, sagre, biciclettate. Il massimo di un ponte trascorso a casa, alla scoperta delle chicche della nostra città. Eccole!

#1. Primo Maggio 2017 a Milano: 6 tra mostre e musei in apertura straordinaria (consigliati da noi)

#1. Al Mudec, via Tortona. Dalle 09,30 alle 19,30 sono visitabili le mostre (www.mudec.it) :

– Kandinskij, il cavaliere errante. In viaggio verso l’astrazione
– Dinosauri. Giganti dall’Argentina
– Rex and the city
– La Collezione Permanente

#2. Al Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci si tiene Primavera al Museo, dalle ore 9, 30 alle 18,30, con un ricco programma di laboratori interattivi, attività e visite alle collezioni per bambini- Programma completo su: Museoscienza.org

#3. Aperture straordinarie al PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea e al Palazzo Reale: dalle 9,30 alle 19,30.

#4. Aperte anche le case museo come il Museo Poldi Pezzoli,  dalle ore 10 alle 18 (ultimo ingresso alle 17.30).

#5. Al Museo Interattivo del Cinema, Gli anni difficili 1969-2017: da piazza Fontana a via Padova”, rassegna cinematografica (Viale Fulvio Testi, 121), alle ore 17. Ingresso: 4-5,5 euro. INFORMAZIONI: Cinetecamilano.it

#6. La Triennale di Milano: avete già visto “Giro Giro Tondo“?!

#2. Primo Maggio 2017 a Milano: una biciclettata nell’arte

PEDALANDO NELL’ARTE è il progetto proposto, per questo nuovo ponte, dopo quello del 25 aprile, da Rossini Art Site.

Un bizzarro narratore-artista accompagnerà i piccoli spettatori in un viaggio nell’arte attraversando i periodi artistici più significativi della nostra evoluzione, fino all’arte contemporanea. Dai faraoni d’Egitto ai volti cubisti, a cura del contenitore d’arte e cultura Cinema Ambulante

Età consigliata 5-10 anni
ORARI:  Da mercoledì a domenica dalle 10.30 alle 20.00
INGRESSI:  intero  9 euro  / ridotto 6 euro / familglie [2 adulti + 2 bambini ] 24 euro/ residenti 4 euro. Ingresso con attività  12 euro / adulto accompagnatore 6 euro.
INFORMAZIONI: in caso di pioggia rimandato a sabato 6 maggio. Prenotazione consigliata: info@rossiniartsite.com | t. 335 5378472 | www.rossiniartsite.com

#3. Primo Maggio 2017 a Milano… e dintorni: Giocoleria in Brianza

Si tiene fino al 1° maggio Giocoleria in Brianza, la grande convention dei giocolieri italiani, con ingresso gratuito, e nel centro polifunzionale di Imbersago.

Il programma del 1° maggio (che concluderà una tre giorni a tutta destrezza, magie, sfide con la forza di gravità):

11,00 – 15,00: Traders: Attrezzature Circensi – Materiale Didattico presso la palestra
15,30 – 16,30: Parata per le strade di Imbersago (evento aperto al pubblico e gratuito)
16,30 – 18,00: Olimpiadi Giocoleria in piazza Garibaldi (evento aperto al pubblico e gratuito)

INFORMAZIONI: www.conventiongiocoleriabrianza.it

#4. Primo Maggio 2017 a Milano: Officinalia 2017

La mostra mercato dell’alimentazione, la prima manifestazione italiana nell’ambito del biologico ed è diventata nel tempo riferimento per gli amanti della natura e dell’ambiente.
Al Castello di Belgioioso, Pavia: www.belgioioso.it/officinalia

#5. Primo Maggio 2017 a Milano: Villa Arconati riapre i battenti

Villa Arconati, uno dei 10 più bei parchi d’Italia, apre i battenti e si racconta, con i suoi 12 ettari di giardino monumentale, personaggi in costume (quello dei Settecento, età di Giuseppe Arconati, il mecenate che fece costruire la Villa), 70 sale visitabili e…

INFORMAZIONI: Villa Arconati – In via Madonna Fametta 1 a Bollate (Mi), da domenica 30 aprile al 22 ottobre tutte le domeniche ore 10.30-18.30.
Eventi in costume domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio, 5 euro. www.villarconati-far.it.

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Circa Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.