Milano-Torino in 500L: le novità in casa Fiat nei 60 anni della sua icona

Milano-Torino in 500L: ospiti di Fiat abbiamo gustato Torino e le sue eccellenze di ieri e di oggi, Eataly incluso. Ecco com’è andata – FOTO – FOTO

Il 2017 sarà ricordato per tante cose. L’elezione del tycoon Trump a presidente degli Stati Uniti d’America. L’arrivo del più giovane primo cittadino di Francia, Macron, all’Eliseo. Il 60mo anniversario dell’icona Fiat. Quale luogo più adatto per festeggiarlo? Ovviamente il Lingotto. Prezioso come una mattonella del metallo più prezioso, la prima sede di casa FIAT, o meglio, sospesi davanti al luogo del collaudo di tanti ‘sogni degli italiani’, FIAT celebra i sessantanni di un simbolo di italianità nel mondo.

Lo fa all’interno di un’altra ‘prima sede’, quella di Eataly Torino, nata qualche anno fa su un’ulteriore celebre fabbrica: la Ditta Carpano. Distilleria delle meraviglie da cui sono nati prodotto famosi, Punt e Mes compreso, la Carpano regala ancora oggi ai visitatori del colosso di Farinetti eleganti architetture post industriali ed uno spazio immenso, meta di chi ama le eccellenze made in Italy.

Al primo piano di quella che fu la ditta dei cordiali torinesi, là dove oggi sono raccolti i cimeli della prima azienda, Eataly offre una delle sue sale-museo per proporre una nuova prospettiva dalla quale conoscere la nuova 500: siamo seduti davanti al Lingotto, nel cuore di un luogo che non parla la lingua meccanica, ma che ha molti punti in comune con Fiat e il mondo di 500.

FIAT – 500 – FARINETTI: I PUNTI IN COMUNE.
E’ Oscar Farinetti a fare gli onori di casa. L’idea di Eataly, nata come novità dirompente nel 2007, era già in nuce 50 anni prima. L’obiettivo era rappresentare italianità nel mondo con una qualità alta che fosse accessibile anche alla gente comune. “Il concept di Eataly si basa sulla teoria dei contrasti apparenti: di un lusso che è per tutti. Abbiamo ottenuto, così, la grande vocazione italiana verso il bello”, conclude Oscar Farinetti.

E FIAT? Come Eataly, anche la 500 è nata a Torino. Urbana nelle origini ma dalle aspirazioni globali, è una italiana di prima linea nel mondo, specialissima ma accessibile, capace di raccontare lo stile italiano nel mondo e offrire qualcosa di autentico, unico, di qualità.

ANCHE GLI ANNI SONO SIMILI:
2007: nasceva il primo Eataly e (ri)nasceva FIAT 500. Era il 4 luglio.
4 luglio 1957: la piccola grande vettura veniva alla luce 60 anni fa.

Siamo dunque ai sessantanni, per celebrare i quali FIAT ha creato una serie speciale in edizione limitata composta di 560 unità per il mercato italiano, dotate una ad una di certificato di autenticità. “Un vero prodotto da collezione che rilegge i simboli della 500 originale, con i baffi del musetto, il tettuccio in tela, logo, tra gli altri”, spiegano dall’ufficio stile. E ancora: “Lo stile ‘a cannelloni’ dei sedili, la vernice avorio e cappuccino definita ‘Dolce Vita’, tutto si rifà alle origini, ma con un occhio più attento alla tecnologia e alla connettività”.

Prodotto autentico, unico, rilevante, cioè in grado di interpretare lo spirito del tempo,
la FIAT 500 festeggia 500 anni da forever young, che sa rinnovarsi e non passare di moda.
La vettura simbolo del boom economico degli anni ’60, della voglia di vita di allora e che si è anche allargata anche alla famiglia, è ora leader di vendita in 9 Paesi europei.

FIAT 500. I NUMERI DI UN SUCCESSO LUNGO 60 ANNI. La 500L, da sempre auto urbana, ha conquistato 430mila persone nel mondo e rappresenta il 25% delle quote in Europa (¼ vetture). E’ la croosover più scelta, con un tasso di conquista più alta nella gamma Fiat. Solo nel 2016, la gamma FIAT ha vantato oltre 400mila unità vendute nel mondo. Insomma, quella della 500 diventa una storia di famiglia che si rinnova con le nuove esigente dentro e fuori la famiglia che entra ed esce dalla città.

NASCONO COSì LA NUOVA 500L Urban e 500L Cross

Utile, non noiosa, pratica ma bella divertente con tanto spazio, la nuova 500 L Urban è lunga 4,24 metri (in sostanza, trovi parcheggio ma ci viaggi comodo). E’ dotata della maggiore capacità di carico del segmento, un tetto panoramico, maggiore visibilità per guidatore e passeggeri.

Anche nello stile sa riconoscersi: è “ancora più ‘500” con un frontale nuovo, nuovi quadrante, plancia, sistema infotainment, più stile di famiglia.

Nuovo posizionamento: CROSSOVER. Cambiato e migliorato l’area Trekking con tanto spazio in più. Nasce così la nuova 500Lcross con maggiore stile e più tecnologia, facile ‘così la possono usare tutti’ e schermi da 7 pollici gestibili in sicurezza, come un semplice tablet.

“Ancora più 500, ancora più premium” secondo l’ufficio stile, la nuova 500 L Cross presenta una illuminazione notturna più rilassante e moderna, maggiore tecnologia,
tacchettini del quadro come lancette orologio di pregio, maggiore effetto bicolore della plancia, nuovo volante più sportivo con comandi infotainment integrati e maggiore visibilità degli strumenti. A questo si aggiungano le modifiche ergonomiche, come il cambio posizionato più in alto e una migliore posizione dei comandi clima, insieme ad un ampio vano tra i due sedili anteriori.

TEMI ricorrenti. Le forme arrotondate, la ‘cinquecentosità’, “sempre più 500 pur nella diversità dei nuovi modelli: 500, 500L, 500X.

Prima auto della famiglia, adatta a tutti i giorni, si dota di ancora più strumenti per la sicurezza quali l’autonomous city brake (frenata automatica anche a basse velocità), anche sulla Cross, ideale per il weekend; il Mode Selector contro ostacoli imprevisti (slitta ruote, scarsa aderenza, terreno sconnesso) e gestisce meglio la coppia tra le ruote anteriori. Idem per il fondo scivoloso con la modalità Gravity Controll a velocità costante e sicura.

E PER I GROSSI CARICHI.. 500L Wagon: l’unica della gamma 500 ad avere 7 posti in 4 metri e 38 cm di spazio. La più compatta del mercato (per oggetti lunghi oltre 2,5 metri) e spaziosa per chi ha “le gambe lunghe”, propone un baule 738litri (senza la terza fila), sedili a tavolino.

Le 500L, 500L Crosso, 500LWagon e i loro diversi allestimenti sono offerti con 4 alimentazioni motore – benzina, diesel, turno LPG e metano – allo stesso prezzo delle precedenti: da 15,900 euro a 14,900 euro.

Porte aperte sabato 17 e domenica 18 giugno con la prima in Italia, cui seguiranno Francia, Svizzera, Olanda. E per chi viaggia nel Commonwealth? A settembre, la guida a destra.

COME CONDENSARE TUTTE QUESTE NOZIONI SE NON IN UN’ESPERIENZA?
Di guida, ovviamente, a spasso per Torino secondo due tracciati, uno urbano di 45 minuti, l’altro di due ore tra sterrati appena alle porte della città e un passaggio davanti a Stupinigi. ECCO COM’E’ ANDATA:

Bella Torino. A bordo della nuova #Fiat500L scopriamo la città e la nuova super car pensata per muoversi agilmente in città, ma senza rinunciare allo spazio (ps: ovviamente alla guida non c'era Paola Perfetti)

Pubblicato da Milanoincontemporanea su Mercoledì 24 maggio 2017

Test drive sulle colline di Torino. @fiatontheweb @fiat500cinquecento #Fiat500L #fiat500lounge #fiat500

Pubblicato da Milanoincontemporanea su Mercoledì 24 maggio 2017

Perché da Milano a Torino, dei simboli dell’arte e dell’italianità non ne abbiamo mai abbastanza.

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Circa Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.