Sciopero dei mezzi a Milano il 15 e il 16 giugno, ecco gli orari

Sciopero dei mezzi a Milano il 15 e il 16 giugno, ecco gli orari dell’agitazione di metro, autobus, tram e treni indetta dai sindacati

Sciopero a Milano: giovedì 15 e venerdì 16 giugno incrociano le braccia gli autisti di metro, autobus, tram e treni fermi. Venerdì 16 giugno stop al Tpl.

In pratica, questo weekend si prepara ad affrontare un doppio scipero.

E’ una decisione dei sindacati Cub, Sgb, Cobas lavoro privato e Usb per protestare contro le privatizzazioni in corso nel settore dei trasporti.

INIZIO DELLO SCIOPERO. Si parte il 15 giugno, alle ore 21 del 15, con i macchinisti e i controllori dei treni nazionali e regionali, quelli lombardi compresi. A mezzanotte del 16, poi, scatterà lo sciopero dei mezzi cittadini: metro, autobus e tram Atm.

ORARI SCIOPERO TRENI – Lo sciopero dei treni inizierà alle 21 del 15 giugno e terminerà alle 21 di venerdì 16.

ORARI SCIOPERO TRENITALIA. Sono garantiti i servizi essenziali dei treni regionali: nei giorni feriali dalle ore 6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 18.00 alle ore 21.00.
Circolazione regolare per le Frecce.

ORARI SCIOPERO ITALO. Italo ha un elenco dei treni assicurati nonostante lo sciopero: https://www.italotreno.it/~/media/Images/content/pdf/sciopero/sciopero_15-16_giugno_2017_treni_garantiti.pdf.

ORARI SCIOPERO METRO ATM . Durerà 24 ore, a partire dalla mezzanotte del 16 giugno.
Il blocco è previsto dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio.
Da inizio servizio fino alle 8.45 e dalle 15 alle 18 di venerdì, quindi, i mezzi circoleranno regolarmente.
Al di fuori delle fasce di garanzia potranno verificarsi blocchi, ritardi e cancellazioni.

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Circa Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.