Ortica diventa il primo quartiere museo a cielo aperto del mondo!

E’ il primo quartiere museo al mondo! Ieri cantato da Jannacci, oggi impalmato dal sindaco Beppe Sala grazie al progetto “ORME Ortica Memoria”

Da domenica 1° ottobre il Quartiere Ortica tanto amato per la sua Balera e tanto cantato per quel ‘palo della Banda dell’Ortica’, è un museo a cielo. Un museo del quartiere e della memoria.

Forse non tutti si ricordano il perché di questo nome.
Forse nemmeno si sa che, al di qua del ponte, un tempo, c’era un’Osteria chiamata appunto ‘Ortica‘, sostituita poi da quella detta ‘del Gatto Nero, che ha connotato, per estensione, l’intero quartiere tra Lambrate e Parco Lambro.

Forse, da oggi, qualcuno ne saprà di più visto che ieri è stato inaugurato il murale dedicato al Movimento Cooperativo sullo stabile della Cooperativa Edificatrice Ortica in via San Faustino 5 realizzato con il contributo di Lega Coop Lombardia e Coop Lombardia.

Il progetto si chiama “ORME Ortica Memoria” è guidato dal collettivo di artisti Orticanoodles che dal 2015 colora i muri del quartiere. L’obiettivo è quello di creare un itinerario culturale e identitario che porti i milanesi e i visitatori fuori dal centro, per ampliare la propria visione e la conoscenza della città fino in fondo, fino alle sue periferie.

ORME Ortica Memoria che cos’è allora?

Innanzitutto è un murale. E’ stato realizzato con la collaborazione artistica del collettivo Orticanoodles e il patrocinio del Comune di Milano.

Tra il 2017 e il 2019 sarà oggetto della creazione di 20 opere di arte urbana (quattro delle quali già realizzate) tra le più grandi in Italia. L’Ortica diventerà così un museo permanente, un polo culturale nella città dove passeggiare e poter dire “qui la storia la conoscono anche i muri”.

Il murale racconta i personaggi del quartiere, i protagonisti che hanno fatto l’identità del quartiere e di Milano: dai Martinitt alle donne della resistenza, dal Cardinal Ferrari al partigiano Morandi, da Enzo Jannacci, a Dario Fo, ai cantanti della Milano di una volta, che in questi quartiere vive ancora.

Ogni opera sarà accompagnata da strumenti multimediali che permetteranno ai visitatori di conoscere le storie dietro i murales.

Per visitarlo: recarsi al sito di “Ortica Memoria” o contattare il numero 00 39 392 9130710.

Fonte: Comune

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Circa Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.