Casa Testori: la grande casa di Novate Milanese rivive con tante novità

Giovanni Testori è tornato a casa: dalla grande Biblioteca alle opere d’arte realizzate e collezionate fino ai ricordi di famigliaFOTO E INFO

Una grande casa di famiglia, dove il cigolìo della porta a doppio battente della cucina evoca ancora le domeniche domestiche, quando zii e cugini si ritrovavano a guardare 90° minuto e la merenda con il te.

Una grande villa. Davanti, la ferrovia. Alle spalle, l’azienda.

La casa è quella della famiglia di imprenditori di Novate Milanese, ‘i Testori’. Sempre lei, con le sue venti stanze e più.

Venne edificata a inizio XX secolo, concepita come una porta sul nuovo, quel nuovo sempre in arrivo dalla ferrovia che ancora rumoreggia dall’altra parte della strada, e un ponte con l’antico, fatto di radici profonde, studio, devozione e tanto lavoro.

Nel mezzo ci sono i ricordi ‘dello zio’, la sua collezione sterminata di libri, la produzione critica, letteraria, teatrale. Lo zio è niente meno che Giovanni Testori (1923-1993).

Giovanni Testori fu e divenne tante cose. Si circondò di tante cose.

L’Associazione omonima sta cercando di catalogarle e di ordinarle tutte per proporre al grande pubblico questo vasto patrimonio culturale.

Il suo studio ancora si affaccia sul bel giardino all’italiana, dove fa ancora ombra il grande albero sotto il quale vennero scattate molte foto di famiglia e dove il nocciolo, imponente, fa capolino dalla finestra del primo piano.

Ci sono cataloghi d’arte che nemmeno le grandi biblioteche pubbliche hanno.
Ci sono testi teatrali ed approfondimenti ancora da scoprire.
Ci sono scatoloni di oggetti e libri ancora da condividere sugli scaffali di casa per permettere a tutti di goderne.

C’è ancora tanto lavoro da fare, ma il primo obiettivo è stato raggiunto: Giovanni Testori è tornato a casa.

Domenica 8 ottobre scorso Giovanni Agosti, Luca Doninelli e Federica Fracassi hanno introdotto il ritorno, sulle pareti della Casa di Novate, della grande Biblioteca di Giovanni Testori: migliaia di volumi d’arte, monografie dell’800 e ’900, libri sull’arte lombarda, ma anche alcuni nuclei imprevedibili dedicati a manufatti sudamericani o africani.

Da questo punto è cominciata la vita nuova di Testori. L’Associazione Giovanni Testori ha infatti acquisito anche un importante nucleo di oltre 40 dipinti e un centinaio di disegni, che permettono di presentare l’intero percorso di Testori pittore, dagli anni Quaranta agli anni Novanta. A questo si aggiunge l’acquisizione dei diritti di Giovanni Testori, con i quali l’Associazione entra nel merito di una nuova gestione delle pubblicazioni e delle messinscene testoriane.

Un nuovo luogo di Milano da scoprire e da tenere d’occhio: in programma tra le attività dell’Associazione anche il prosieguo di Giorni Felici, le personali e collettive di giovani artisti cui l’ente dedica spazi e occasioni di esposizione.

Per essere sempre aggiornati e avere ulteriori informazioni: CasaTestori | Casatestori.it

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Circa Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.