Faraone: gioielli e storie di un angolo prezioso di Milano

Faraone, storica gioielleria di Milano, rinnova il suo appuntamento con l’asta di preziosi: idee regalo per Natale e pezzi di una storia d’arte e lusso.

La quarta edizione dell’asta di Gioielli e Orologi del XX secolo di FARAONE CASA D’ASTE è il pretesto per scoprire una storia sorprendente che unisce lusso, divi di Milano a Milano, grande capacità artigianale e vezzi degni di una gran soiree.

Oggi, lunedì 20 novembre, si terrà l’asta rivolta non solo a commercianti e collezionisti ma anche a privati che potranno fare acquisti di valore in vista del Natale.

Saranno ben 240 i pezzi protagonista dell’asta che si terrà nel centralissimo hotel Four Seasons di Milano.

Alcuni di questi monili – tra bracciali, spille, orologi, orecchini, bijoux – non sono semplicemente capolavori di maestria e cesellatura, ma anche piccoli scrigni di storie di un tempo passato, eccezionalmente disponibili a budget abbordabili.

Da questa indagine investigativa tra le specialità in serbo per questa occasione emerge una storia ancora più interessante: quella del Faraone di Milano.

FARAONE, il faraone di Milano?
Sì, per quanto il brand non sia autenticamente nostrano.

Correva l’anno 1860 quando abili gioiellieri aprivano il loro marchio a Milano, importandolo da Firenze dove era presente fin dal XV secolo.

Da subito si fece notare dalle grandi casate monastiche, come la Regina Margherita di Savoia, e la Famiglia Reale Monegasca, così come dalle prime star internazionali, della lirica o del cinema.

Forse non tutti sanno che le numerose fotografie che ritraggono Maria Callas, la vedono scintillante con gioielli Faraone al collo.

Anzi, si dice che Giovanni Battista Meneghini acquistò molti gioielli per la moglie Maria Callas presso la ditta Faraone in via Montenapoleone. Alcuni le furono regalati in occasione delle sue prime, e ricevettero il nome delle opere cantate.

Come lei anche Anna Magnani, Ava Gardner, Ingrid Bergman. Venendo ai giorni nostri, un’altra icona dell’eleganza mondiale, Charlotte Casiraghi, ha scelto Faraone, la cui casa oggi si trova al primo piano di Montenapoleone, 9.

All’asta oggi ci saranno marchi iconici della gioielleria come Cartier, Bulgari, Buccellati, Boucheron e ovviamente Faraone, capolavori anonimi come il collier stile Art Decò in platino con diamanti taglio brillante per un totale di 25 ct ,con un diamante centrale pendente, trasformabile in una spilla nelle due versioni, con o senza pendente e l’immancabile Tiffany.

Altra nota di stupore, il legame con la maison color carta da zucchero. Fu proprio la proprietà Faraone a portare il brand in Italia e a contribuire al suo successo nel gotha delle maison del luxury e delle tendenze.

Una storia speciale che si arricchirà di quelle degli altri lotti all’asta: dal bracciale, sempre Art Decò firmato Oscar Heyman, datato 1925, e battuto da Christie’s negli 90 per un valore di 400,000 dollari; al paio di orecchini in oro bianco, con diamante taglio brillante da 15ct e due perle naturali di 13mm, un raffinatissimo bracciale Cartier London con un torchon di perle e fermezza in platino e diamanti; fino ai gemelli firmati Villa, Sabbadini e Faraone ed una selezione di orologi di iconici firmati Patek Philippe, Rolex, Breguet, Vacheron Constantin; ed un raro orologio Audemar Piguet “squelette” da tasca degli anni 70 il cui movimento è racchiuso da due vetri zaffiro.

Per informazioni: Faraonecasadaste.it

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Circa Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.