Il Palazzo del Principe Innamorato: storia di un angolo nascosto di Milano

Il Palazzo del Principe Innamorato: storia di un angolo nascosto di Milano

Grazie agli input e ai percorsi guidati di Città Nascosta Milano sono venuta a conoscenza del palazzo del principe innamorato, nel cuore di Milano.

Quante volte sono passata da Corso Magenta, e come ho fatto a non accorgermi del Palazzo del Principe Innamorato?!

E’ una storia troppo bella perché non sia conosciuta.
E’ un palazzo troppo insolito perché non dia nell’occhio.

Si chiama Residenza Vignale, e qualche innamorato a caccia di una location per il proprio matrimonio potrebbe averla già conosciuta come elegante sala ricevimenti. Ma la sua storia è ancora più romantica.

Correva l’inizio del secolo XX. Allora gli Austriaci erano di casa, a Milano.

Un principe di quelle parti, il cui nome non mi è dato sapere, arrivò in città e si innamorò di una ragazza del posto. Pare fosse il figlio illegittimo del kaiser prussiano Guglielmo II, insomma, uno ‘abituato bene’.

Per starle vicino, chiese all’architetto Gattermayer, insieme al famoso artista Adolf Loos, di costruirli un edificio che rispecchiasse lo stile del suo Paese d’origine, senza dimenticare lo stile floreale fatto di putti e fiori che tanto era di moda nei palazzi di Milano e di mezza Europa.

 

Nasceva così il primo nucleo della Residenza (1905-1907).

residenza vignale sito ufficiale

Il corpo principale, destinato a residenza del Princip

e, era a due piani: al piano terra i grandi saloni con accesso sul cortile, al primo piano camere da letto e salottini. Sull’altro lato del cortile si trovano gli alloggi della servitù, inseriti in un curioso edificio con modanature di legno scuro e un grazioso bovindo“, spiega il sito ufficiale della location.

 

Ovviamente non mancavano la scuderia per i cavalli e il deposito per la carrozza, “protetto quest’ultimo da una pensilina di ferro elegantemente decorata”.

Poco tempo poté godersi questi luoghi il padrone di casa.

Il principe innamorato morì in battaglia nel 1914.

La casa da allora ebbe diversi proprietari e subì rifacimenti, ma è ancora uno dei luoghi speciali e nascosti di interesse per guide appassionate e preparate.

 

RESIDENZA VIGNALE
via Toti n. 2 – Milano
Tel. 02 48006225
www.residenzavignale.com

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Circa Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.