Ri-Scatti dei ragazzi di Amatrice, mostra fotografica per la ricostruzione

Un intero paese rimasto in sospeso. Oggetti di uso quotidiano spezzati per sempre. Attimi di apparente normalità che ci ricordano che “the show must go on”, la vita per qualcuno continuerà pure, ma quell’agosto di due anni fa ha perso un corso diverso.
Come le vie di Amatrice, centro buono d’Italia famoso per la sua pasta e la spontaneità dei suoi abitanti, ormai diventate una catasta di rovine e frammenti.
Come i soggetti delle oltre 160 fotografie scattate da 13 adolescenti di Amatrice che raccontano la loro vita dopo il disastroso terremoto dell’agosto 2016.

Sono le protagoniste di “RI-SCATTI, Da Zero”, mostra di fotografia sociale realizzata da Riscatti Onlus al PAC con il contributo di Tod’s e di scena al Padiglione d’Arte Contemporanea di via Palestro ancora fino a domenica 18 marzo.

Si palesano così, all’improvviso, come un cazzotto in faccia, scene di vita quotidiana rimaste impresse per sempre nella mente e nelle macchine fotografiche di Vanessa e Flaminia Bakaj, Manuela Bonanni, Martina Capone, Victoria Conti, Elisa Etrusco, Silvia Guerrini, Livia Micozzi, Maria Grazia Morante, Serena Natalucci, Giorgia Paoletti e Tatiana Spurio, 12 adolescenti di età compresa tra i 14 e i 19 anni che A loro si aggiunge Roberto Spurio, fratello di Tatiana, l’unico ragazzo ad aver partecipato al progetto.

Panorami arrabbiati e sfidanti nei confronti di una natura, che imponente, sovrasta Amatrice e sta lì a guardare, incombe. Un ragazzino suona la fisarmonica. Un cane fa le feste pancia all’aria. Un piatto rotto ricorda la ricetta che ha portato questo ombelico d’Italia alla ribalta del mondo per le sue delizie culinarie. Una mostra intera nella quale il ricavato delle istantanee in esposizione saranno messe in offerta e parte del ricavato sarà utilizzato per allestire il centro giovanile del borgo laziale distrutto dal terribile sisma di due anni fa.

RISCATTI ONLUS

E’ un’associazione di volontariato, fondata nel 2013 dalla giornalista Federica Balestrieri, che, attraverso la fotografia, realizza progetti per promuovere l’integrazione sociale e dare un’opportunità di riscatto a chi soffre o a chi nella vita è rimasto indietro, oltre a sensibilizzare l’opinione pubblica sui valori della solidarietà. E’ costituita esclusivamente da volontari.

RI-SCATTI Da zero

9 – 18 marzo 2018
PAC Padiglione d’Arte Contemporanea Via Palestro, 14
Milano
www.riscatti.it | www.pacmilano.it
09 – 18 MARZO 2018 PAC PADIGLIONE D’ARTE CONTEMPORANEA, MILANO
Orari della mostra: tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30 | Ingresso libero

In copertina: @Elisa_Etrusco-0916

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Circa Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.