Cinema Bianchini edizione 2018: dall’11 maggio torna il cinema sui tetti

Cinema Bianchini edizione 2018: dall’11 maggio torna il cinema sui tetti con una fitta programmazione che andrà avanti fino a settembre – questa!

Cinema Bianchini edizione 2018: dall’11 maggio torna il cinema sui tetti e questo vuol dire che a Milano è quasi estate.

Fino al 30 settembre il cinema sui tetti tornerà a proiettare film di successo e classici del grande schermo da Highline Galleria, sui tetti di Galleria Vittorio Emanuele.

Tutte le sere, fino al 30 settembre, sarà possibile assistere alle proiezione dei titoli d’autore di Medusa Flm e delle pellicole cult proposte da Fondazione Cineteca Italiana, ammirando al contempo il profilo di Milano vista dall’alto, con piazza Duomo, il Castello, Torre Velasca, City Life e Porta Nuova. E proprio alla città sarà dedicato un focus della rassegna cinematografica.

Cinema Bianchini edizione 2018: i grandi classici in programmazione:

Tra i titoli già selezionati:

  • Vacanze Romane,
  • A qualcuno piace caldo,
  • Fino all’ultimo respiro,
  • La notte,
  • Colazione da Tiffany,
  • Barbarella,
  • Miracolo a Milano,
  • Romanzo Popolare,
  • La grande bellezza,
  • Youth – La giovinezza,
  • Midnight in Paris,
  •  To Rome with Love.

In programma anche eventi ispirati ai film proposti, quali degustazioni, spettacoli musicali e incontri con gli autori.

Ingresso da via Silvio Pellico, 2 dalle ore 21.

Sono aperte le vendite per  pochi giorni in promozione a 12 euro: https://www.cinemabianchini.it/programma-e-biglietti/

Prenotazione obbligatoria: www.cinemabianchini.it.

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Circa Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.