La canzone dell’estate 2018? Milano ha la sua! Cantiamola insieme!

“Sei tu l’estate (La danza della pioggia al contrario)”: l’estate, prima ancora di essere una stagione meteorologica, è uno stato d’animo. Parola dei giovani ospiti del reparto Pediatria Oncologica dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, coordinato dal Dott. Andrea Ferrari e supportato dall’Associazione Bianca Garavaglia. Sarà una hit!

“Sei tu l’estate (La danza della pioggia al contrario)” è il titolo del brano con il quale i ragazzi adolescenti del Progetto Giovani (www.ilprogettogiovani.it) della Pediatria Oncologica dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, coordinato dal Dott. Andrea Ferrari e supportato dall’Associazione Bianca Garavaglia (www.abianca.org), che hanno deciso di tornare a raccontarsi attraverso una canzone, dedicata questa volta all’estate.

L’estate in questione non è solo una stagione meteorologica, è uno stato d’animo.
La canzone è il pretesto con il quale far riflettere che, nonostante il “temporale” (la malattia e le cure), in questo particolare periodo dell’anno i ragazzi non intendono smettere di sorridere, ballare e amare.

Con loro hanno collaborato anche artisti del calibro di Faso (bassista di Elio e le Storie Tese), Jacopo Sarno e Andrea Vigentini, sotto il coordinamento artistico-musicale di Stefano Signoroni, genetista con la passione per la musica in forza all’Unità Tumori Ereditari dell’Apparato Digerente dell’INT.

Un inno alla vita.
Un’iniezione di adrenalina. 

L’iniziativa segue lo strepitoso successo di “Palle di Natale“, oltre 11 milioni di visualizzazioni su You Tube. Uffa, neanche questa avete ancora imparato ;-)!?

Eccola:

).

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Circa Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.