Che fine ha fatto Andrea Pezzi? Ve lo racconta alla Fnac

Per chi si sta ponendo questa domanda e vuole sapere che fine ha fatto Andrea Pezzi, uno dei primi veejay d’Italia, troverà la risposta nell’appuntamento di oggi, 26 novembre, alle ore 18 presso la Fnac di via Torino.

Ho fatto la televisione come vorrei che la televisione fosse, ho fatto internet come vorrei che internet fosse, ho costruito un luogo di lavoro come vorrei che il lavoro fosse. Mi sono nutrito di curiosità, di ricerca interiore, di incontri ed esperienze non comuni in senso imprenditoriale, politico e sociale. Soprattutto negli ultimi dieci anni della mia vita ho viaggiato molto e ho conosciuto da vicino alcuni fra i più eminenti uomini del pianeta. Sempre più spesso dopo queste immersioni di umanità, mi sono trovato a fare la stessa sospirata considerazione: la vita è un bellissimo gioco di intelligenza. Il comunismo, il capitalismo, le dittature, la democrazia, le religioni, il materialismo in fondo è tutto come un infinito caleidoscopio di per sé sempre fittizio e vano, attraverso il quale, però, ogni singolo individuo, in ogni tempo, è chiamato a confrontarsi con se stesso per diventare Grande.


Andrea Pezzi, classe 1973: ma che ha fatto in  questi anni in cui è scomparso da Tv e giornali di gossip?

Potrete chiedeglielo oggi stesso alle 18: sarà in Fnac a presentare Fuori programma, il suo libro-diario in cui parla di sè, delle sue molte curiosità – è un filosofo appassionato di media, ottimo comunicatore a volte un po’ troppo saccente – e del suo continuo cambiare mestier e forma.

Un modo per confermare la parte più vera di sè.

Andrea Pezzi presenta “Fuori programma
Fnac
via Torino angolo Via della Palla
dalle ore 18

Milanoincontemporanea è un blog nato nel 2009 a Milano dedicato al lato low cost, divertente, spensierato, culturale, contemporaneo della nostra città. Anche una passeggiata ed un happy hour possono diventare un attimo di cultura contemporanea. Ve lo raccontiamo #incontemporanea. E da questo account, tutte le ultimissime dalla metropoli.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea