ABSOLUT BLANK per la creatività contemporanea

E’ probabilmente uno degli appuntamenti più interessanti e divertenti per i creativi di ogni parte del mondo. E’ uno dei mecenati dell’arte postmoderna forse più irriverenti e tentacolari di sempre. Non avete mai visto un Wall ABSOLUT a Milano? A me viene subito in mente quello che introduce alle Colonne di San Lorenzo, raffigurante il buon Elvis con ben tre occhi. Avete presente? Okay, allora sarete contenti quanto noi di sapere che IT ALL STARTS WITH AN ABSOLUT BLANK torna a Milano (ma anche nel resto d’Italia), con le sue bottigliette di vodka glamour tutte da collezionare.

Anche per questo inizio 2012 i talenti emergenti della creatività contemporanea internazionale hanno giocato con l‘iconica bottiglietta Absolut rendendola la “tela bianca” sulla quale realizzare le proprie opere.

Dopo Andy Warhol, Keith Haring, Damien Hirst e i più recenti Ron English e Ozmo, infatti, una nuova generazione di creativi di bombolette, pennelli, design, costruzioni e mezzi video ha partecipato al progetto multimediale che, quest’anno, si arricchisce anche di un’App per smartphone con tanto di sito dedicato dove poter apprezzare nel dettaglio le singole opere degli artisti e conoscerne i profili, il making-of delle varie opere, “democratizzamdo il concetto di arte e offre a chiunque la possibilità di esprimere la propria creatività”.

Nasce proprio con questo concept ABSOLUT BLANK, un movimento di creatività a livello globale che ABSOLUT rinnova portandolo anche nel Bel Paese mai sazio di arte.

Ma cos’è ABSOLUT BLANK?

Una serie di creatività realizzate da 20 artisti emergenti provenienti da tutto il mondo e cresciuti nelle più svariate avanguardie contemporanee: disegno, pittura, scultura, film-making e arte digitale. Un background caleidoscopico che dinnanzi ad ABSOLUT BLANK si è trasformato in interpretazioni sorprendenti e personali che spaziano dal mondo fantasioso e immaginifico di Mario Wagner, ai colori e alle illustrazioni audaci di Kinsey, fino alla cura di ogni dettaglio tipico di Good Wives e Warriors.

Come queste:

Chi le ha realizzate?

Gli artisti di ABSOLUT BLANK:

  • Adhemas Batista
  • Aestethic Apparatus
  • Alex Trochut
  • Brett Amory
  • David Bray
  • Eduardo Recife
  • Fernando Chamarelli
  • Good Wives & Warriors
  • Jeremy Fish
  • Kinsey
  • Ludovica Gioscia
  • Marcus Jansen
  • Mario Wagner
  • Morning Breath
  • Robert Mars
  • Sam Flores
  • Thomas Doyle
  • UVA
  • Will Barras
  • Zac Freeman

Dice afferma Mark Hamilton, Global Marketing Director di THE ABSOLUT COMPANY: “Quando inizialmente abbiamo incontrato gli artisti è stato fondamentale per noi trasmettere loro la visione del mondo di ABSOLUT, mostrare come il brand interagisce con il mondo dell’arte ma, soprattutto, quanto fortemente crediamo nelle collaborazioni creative. Con ABSOLUT BLANK vogliamo contribuire a un movimento creativo globale. L’obiettivo è quello di descrivere come sia gli artisti che la creatività vengano ispirati da ABSOLUT, per rendere la realtà ancora più vibrante e interessante.”

Ci riuscirà? Visti i precedenti delle passate edizioni e considerato l’ambizioso progetto del 2012 io credo proprop di sì.

ABSOLUT BLANK è infatti pronto a contagiare le principali città d’Italia grazie a una serie di installazioni urbane.
CONTEMPORANEAMENTE invaderà cinema e tv con video clip emozionali, “che raccontano i singoli artisti nel making of delle proprie opere” – spiegano gli organizzatori.

Non volete perderlo? Maggiori info, video e news sono disponibili al sito web www.absolutblank.com.

Da consumarsi responsabilmente. 😉

Paola Perfetti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea