Fiorucci e il Comune: insieme per fare del bene

fiorucci-maglietta-milano

Milano è moda e fashion system. Forse è per questo che il Comune ha scelto un milanese doc come Elio Fiorucci per disegnare e creare la nuova linea di prodotti “Milano Design”. Dai tempi del negozio del padre nel pieno centro meneghino lo stilista di strada ne ha fatta, e dopo il marchio Fiorucci e Love Therapy, oggi è pronto a coniugare ancora una volta moda e design in veste di art director dell’intera linea. Il primo risultato è una T-shirt floreale ispirata a motivi campestri dal sapore fiabesco per «suggerire una visione di Milano non più legata agli stereotipi della città avvolta nella nebbia e nel grigiore delle industrie». Il packaging, che come sappiamo lo stilista ama curare proprio quanto uno dei suoi capi, è una scatola di metallo (molto cara a Fiorucci) che riproduce l’immagine grafica del Duomo.

Oltre a Fiorucci ci saranno altri stilisti impegnati nel progetto, i quali ideeranno un prodotto e rinunceranno alle proprie royalties dando il tutto in beneficenza.

«Grazie a questa operazione il Brand Milano allarga i suoi orizzonti trovando in Elio Fiorucci e altri designer il proprio Dna fatto di creatività, ricerca e innovazione», spiegano da Palazzo Marino, mentre Fiorucci ha sottolineato come «il progetto cercherà di promuovere i migliori talenti nel mondo che operano nella nostra città».

Nel frattempo il brand “City Line” continuerà il proprio percorso che si rinnova. Se è vero che i prodotti  saranno ancora disponibili nell’Official Store di piazza San Babila, è altresì vero che tale spazio verrà rinnovato esteticamente.

Ué testina, t’è capì?!

Classe 1988, sono nata in un caldo giovedì di agosto in Brera, uno dei quartieri più belli della mia città. Dalla passione (divenuta laurea) per le lingue straniere all'attività di blogger e giornalista freelance, il passo per me è stato molto breve. Oggi mi occupo di comunicazione, ma scrivere di Milano è scrivere delle proprie origini.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea