Bottiglie Aperte e Temporary Di-vini in Ticinese per un Wine-Shop

“Aperitivo in Ticinese?” – “Perché no?” – Comincia così un notturno meneghino in cui passeggi, cerchi di ripararti da freddo e poi, proprio di fronte alla Trattoria Toscana, ti trovi questa insegna (nella foto, sopra).

Entri, il gentile Massimiliano ti accoglie, assaggi un goccio di Moscato e fotografi le bottiglie.

In Corso di Porta Ticinese 77 Federico Gordini (MICA – Michetta e Milano Food Week) ha dedicato tutto il mese di dicembre a Bottiglie Aperte, il Temporary Wine Shop che propone i nettari di alcune cantine del Belpaese generalmente sconosciute e a parte rispetto alla grande distribuzione.

Una boutique del vino a tempo che resterà aperta fino al 31 dicembre per proporre, far incontrare ed assaggiare i vini di cantine sparse nel Belpaese e che altrimenti non si conoscerebbero, in una varietà di prezzi decisamente ampia: si va dai rossi a 9,90 euro (ottimo rapporto qualità-prezzo perché prezzi del produttore) a passiti di Pantelleria da 24,90 euro.

Ogni cantina, un listino. Ogni listino, diverse occasioni di acquisto, da completare con accessori e libri dedicati agli appassionati.

Segnaliamo perché:

1. Location accogliente che, anche stasera ore 18, organizza degustazioni ed incontri con esperti
2. Ampia la scelta di vini
3. L’affabile e cortese team sa consigliare il miglior vino a seconda delle esigenze di gusto e di etichetta
4. Si può acquistare subito la bottiglia scelta
5. Con servizio di confezionamento in loco
6. Ed il temporary resta aperto tuttti i giorni dalle 15 alle 23

Per ulteriori informazioni: www.bottiglieaperte.it; www.facebook.com/bottiglieaperteboutique

Cheers ai regali di Natale che vengono dal cuore 😉 

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Riguardo a Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.