Merda d’artista: è fertile la Primavera di Milano con Piero Manzoni in mostra

Dopo l’Autunno Americano, finalmente è arrivato il tempo di godere della Primavera di Milano. Naturalmente a Milano.  A Palazzo Reale, in particolare, che non è mai saturo di visitatori grazie al successo della mostra su Klimt (#klimtmi per i patiti di social). La Sala delle Otto Colonne e stanze limitrofe sono i luoghi della storia di un milanese (adottato) che ha raccontato, rivoluzionato, impressionato e forse anche un po’ scandalizzato la Milano degli anni Cinquanta-Sessanta. Gli anni della Primavera italiana, insomma, quelli grandi del boom economico.

Mentre le signore milanesi guardavano a Parigi e si rifacevano il guardaroba a La Rinascente. Mentre le Vespa scorrazzavano in Corso Vittorio Emanuele. Giovanni Muzio creava il suo “building”, dall’altro ieri ribattezzato “Brian&Barry Building Sanbabila“.  Mentre i ghisa facevano filare il traffico delle “Topolino” in Piazza Duomo. Allora, in quegli anni, un giovane artista nato nel 1933 a Soncino, piccolo centro in provincia di Cremona, faceva parlare di sé.

Piero Manzoni è il protagonista di questa storia che comincia oggi, per la stampa, a Palazzo Reale in un’altra grande mostra, in programma fino al 2 giugno 2014.

A curarla, un “mostro sacro” dell’arte contemporanea, lo studioso Flaminio Gualdoni, accanto all’altrettanto illustre Rosalia Pasqualino di Marineo.

PERCHè NON PERDERLA. Piero Manzoni è un contemporaneo da scoprire, non solo “Merda d’Artista” ma anche “Achrome”, Uova, sculture viventi, impronte.

Piero Manzoni che ha frequentato il Leone XIII. Piero Manzoni che è cresciuto, personalmente e professionalmente, accanto all'”amico di famiglia” Lucio Fontana – e chi non ha o non ha avuto un amico di famiglia così!?

Piero Manzoni che si faceva in bicicletta da Milano a Roma. Che moriva appena trentenne nel suo atelier di via Fiori Chiari 16 per un infarto.

Piero Manzoni che pasteggiava ad arte, ready-made, contaminazioni europee (dal francese Yves Kline ai movimenti olandesi del gruppo Nul, la Germania del gruppo Zero, la dimensione cosmopolita di Nouvelle Tendance) ed aperitivi al Bar Jamaica.

Uno di noi, insomma, ecco perché non perderlo. E noi, perché perderci ad esplicitarlo tra difficili spiegazioni, arzigogoli da critici, quando ce ne sono molti, di critici, e molto più bravi di noi capaci a farlo?

A noi Piero Manzoni piace perché è così: stupisce ed è irriverente. Sa far passare per un capolavoro d’arte una lattina di deiezioni senza lasciare che qualcuno la apra per controllare. D’altronde, se lo facesse, chi spenderebbe più milioni di euro per ricomprarla?

Piero Manzoni è tornato a Milano e finalmente Milano torna a celebrarlo. Milanoincontemporanea non mancherà di raccontarvelo live. Voi sarete con noi?

ANTEPRIMA DA PIERO MANZONI 1933-1963. UNA MOSTRA A PALAZZO REALE a cura di Flaminio Gualdoni e Rosalia Pasqualino di Marineo

 PIERO MANZONI 1933-1963 Milano, Palazzo Reale 26 marzo - 2 giugno 2014

ID 179. Merda d'Artista n.07, 1961 scatoletta di latta, carta stampata, h 4,8; d 6 cm Collezione privata

ID 172. Uovo scultura n.21, 1960 uovo in scatola di legno, 5,7x8,2x6,7 cm Milano, Fondazione Piero Manzoni in collaborazione con Gagosian Gallery

ID 129. Achrome, 1962 circa panini e caolino, 39x39 cm Courtesy FaMa Gallery, Verona

ID 111. Achrome,1961 circa peluche, 19x20 cm Courtesy FaMa Gallery, Verona

ID 75. Corpo d’aria n. 06, 1959-1960 scatola in legno, contenente palloncino in gomma, tubo per gonfiare e piedistallo, 12,4x42,7x4,8 cm Milano, Fondazione Piero Manzoni in collaborazione con Gagosian Gallery

ID 64. Linea m 7200, 1960 inchiostro su carta, cilindro di zinco ricoperto da fogli di piombo; 96x66 cm Heart, Herning Museum of Contemporary Art

ID 49. Alfabeto, 1958 inchiostro e caolino su tela, 25x18 cm Collezione privata

FOTO MANZONI SCULTURA VIVENTE Piero Manzoni firma una modella trasformandola in Scultura vivente, durante le riprese per il filmgiornale S.E.D.I., Milano 1961

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Riguardo a Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.