Mango a Milano: il negozio più grande d’Italia apre a maggio, in un luogo che ha fatto la storia della città

Mango abbigliamento outlet

La moda spagnola parla italiano, anzi milanès. Dopo il restyling dello store di via Torino e l’apertura del nuovo spazio in Corso Vittorio Emanuele, ai già esistenti 8 punti sul territorio milanese (83 in tutta Italia), Mango ha deciso di aggiungere un nuovo megastore nella capitale italiana della moda: uno nuovo flagship store meneghino che diventerà il più grande retail store nel Bel Paese.

Mango Premium SS15

Total look Mango Premium SS15

Dove? Sempre in Corso Vittorio Emanuele, in quella che un tempo era l’antica sede del colosso dell’editoria, Mondadori. Un luogo prestigioso, un punto strategico che aprirà i battenti a maggio 2015 e che si estenderà su una superficie di 3.000 mq, 3 piani, e in grado di ospitare tutte e 5 le linee del brand: Mango, Mango Man, Mango Kids, Mango Sport & Intimates e Violeta by Mango (la collezione pensata per le donne curvy).

Mango Milano

Lo store Mango di Milano in Corso Vittorio Emanuele © ViviMilano

Così ha spiegato la decisione il Responsabile Retail Internazionale del marchio, Matteo Sgarbossa: L’apertura del flagship store di Milano rappresenta un punto di svolta nell’espansione di MANGO in Italia e in termini di presenza del marchio nel Paese. Si tratta senza dubbio dell’apertura più importante per MANGO in Italia e riflette l’impegno e l’investimento dell’azienda in questo mercato, che continuerà a crescere nei prossimi anni.

E per Milano non può che essere un’ulteriore occasione di prestigio, soprattutto perché, lo ricordiamo, maggio è il mese di inizio di Expo 2015!

Classe 1988, sono nata in un caldo giovedì di agosto in Brera, uno dei quartieri più belli della mia città. Dalla passione (divenuta laurea) per le lingue straniere all'attività di blogger e giornalista freelance, il passo per me è stato molto breve. Oggi mi occupo di comunicazione, ma scrivere di Milano è scrivere delle proprie origini.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea