Giacomo Bulleri, alias Giacomo Milano, compie 90 anni, auguri! La sua storia? Un viaggio emozionante, scopriamolo insieme!

Giacomo Buleri - Giacomo Bistrot

Amanti di Milano e dei suoi aperitivi bistrot siate pronti a celebrare un mito.

Se vi diciamo Giacomo Milano, Giacomo Bistrot, Arengario cosa vi viene in mente? Di sicuro ambienti raffinati; piatti della tradizione con vista su Piazza Duomo. E non solo.

Giacomo Milano. Foto storica. Courtesy ufficio stampa Giacomo Milano

Giacomo Milano. Foto storica. Courtesy ufficio stampa Giacomo Milano

Solo qualche tempo fa siamo stati ospiti dell’inaugurazione della Tabaccheria di Giacomo, in via Sottocorno.
E che dire dell’apertura del Mudec, il Museo delle Culture? Qui, anche il ristorante porta il nome di Giacomo. Chi è Giacomo?

Ve lo raccontiamo noi di Milanoin che abbiamo avuto il piacere di conoscerlo di persona.

Uomo affabile. Divertente. Un “toscanaccio” dall’animo internazionale. Ecco chi è Giacomo, all’anagrafe di Collodi, alle porte di Pistoria, Giacomo Bulleri.

Nato oggi come 90 anni fa in campagna, la sua è stata un’infanzia, ci racconta, “di feste sull’aia, lavori nei campi”, con la cucina di casa sempre nel cuore.

Così tanto che, di recente, all’evento organizzato dal magazine Bespoke-TheChic&Cool, “beHouse”, ha persino cucinato la tradizionale “papa col pomodoro”.

Giacomo Milano - Pappa col Pomodoro all'evento beHouse in via Dante 14. Nella foto, Gioele, uno dei ragazzi del team di Giacomo. Simpatici e molto professionali

Giacomo Milano – Pappa col Pomodoro all’evento beHouse in via Dante 14. Nella foto, Gioele, uno dei ragazzi del team di Giacomo. Simpatici e molto professionali

Ma c’è di più.

Infanzia toscana, studi a Torino, “dove Giacomo incontra la città, il progresso, il future”, ci spiegano. “È lì che impara a fare il cuoco, affrontando e risolvendo mille difficoltà, e sopravvivendo ai bombardamenti della guerra. Sempre guardando al futuro, sempre senza paura di sperimentare, sempre senza dimenticare la tradizione da cui proviene, Giacomo decide di mettersi in proprio e nel 1958 apre a Milano il suo primo ristorante. È il primo di una lunga serie, che oggi domina il mondo della ristorazione Milanese”.

Il resto, è cosa nota. Cucina tradizionale italiana, sapori e libri made in Italy a portata di Tabaccheria.

Oggi con la figlia Tiziana e al genero Marco Monti, segue tre ristoranti (Giacomo, Bistrot e Arengario) un Caffè a Palazzo Reale, una Pasticceria e la nuova Tabaccheria. Non è difficile vederlo aggirarsi tra i tavoli dei locali o dare suggerimenti e consigli agli chef.

Ma stasera si riposerà: nel suo Arengario, circondato da parenti, amici e dai più cari e affezionati clienti, festeggerà i suoi primi 90 anni con una cena privatissima.

Tanti auguri Giacomo!

www.giacomomilano.com

 

GUARDA LE FOTO DEL PARTY 

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Riguardo a Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.