Milano, tutti a teatro per la stagione 2015/2016! Quali spettacoli non perdere, il costo di biglietti e abbonamenti, prenotazioni e sconti, leggete qui!

La stagione teatrale milanese si presenta più ricca che mai. Dalla danza alla lirica fino alla dalla prosa, tanti spettacoli per soddisfare tutti i gusti. Vediamo il cartellone!

Si parte dal Teatro Elfo Puccini in Corso Buenos Aires che fino al 7 ottobre ospiterà la ventinovesima edizione di Milanoltre, il Festival dedicato alla danza contemporanea. Ma non solo.
Con il motto “Il teatro è l’arte dell’incontro” l’Elfo promuove una stagione molto intensa, fra opere più conosciute -Eduardo de Filippo, Arthur Miller e Oscar Wilde per citare alcuni autori- e le “Nuove storie”. Oltre a abbonamenti molto interessanti: sette spettacoli per coppia a scelta per due persone a 196 euro oppure il carnet da 9 ingressi non nominale a 171 euro.
Più sconti per giovani e over 65, e convenzioni con Coop e Ikea. [www.elfo.org]

Al Teatro Manzoni va in scena la vita, come protagonista assoluta di questa nuova stagione, fra spettacoli di prosa, risate e un musical. A fine maggio tornerà “Priscilla, la regina del deserto” per conquistare ancora il pubblico fra una scenografia spettacolare e costumi da 10 e lode. Gli abbonamenti vanno da 268 a 192 euro a seconda della fila e del giorno, anche se non è da sottovalutare l’opzione card. Una prepagata del valore di 150 euro che sulla prenotazione in Poltronissima offre uno sconto del 25%. [www.teatromanzoni.it]

Fin dalla sua ormai lontana nascita, del 1938, il Teatro Nuovo in Piazza San Babila, ama definirsi di avanguardia per aver cercato di cogliere da sempre novità fra spettacoli nazionali e internazionali. Qui si dà molto spazio anche ai più piccini, da “Alla scoperta di Babbo Natale”, “Biancaneve”, “Peter Pan contro Uncino”, tutti in calendario per la nuova stagione. Gli abbonamenti sono dedicati agli under 27 con un costo di 120 euro per 7 spettacoli oppure agli appassionati di tetro. Variano dai giorni al settore, e vanno dai 281 ai 161. [www.teatronuovo.it]

Prende il nome da Franco Parenti, l’omonimo teatro vicino a Corso di Porta Romana. Fra l’omaggio a Truffaut con Corrado Tedeschi e il suo “Umo che amava le donne”, rassegne dedicate a Kubrick con la proiezione di cinque film introdotti dalla lettura teatrali, Alessio Battiston, Filippo Timi, Fabrizio Bentivoglio e molti altri attori italiani, la stagione si annuncia più ricca che mai. L’abbonamento a 8 spettacoli va dai 150 euro ai 120 per gli under 26 e over 65. [www.teatrofrancoparenti.it]

Molto spazio all’arte viene dedicata al Teatro Carcano. Non a caso a novembre salirà sul palco Vittorio Sgarbi per un racconto su Caravaggio. Anche se qui non mancherà la danza, fra il Galà Internazionale, “Lo Schiaccianoci” direttamente dalla compagnia Le Classique di Mosca, e gesti coreografati del Spellbound Contemporary.
L’abbonamento varia per 10 spettacoli o 5, mentre i costi oscillano dai 250 ai 62,50 euro, a seconda dell’età, della fila e del numero di rappresentazioni al quali si vuole assistere. [www.teatrocarcano.com]

Per gli amanti del balletto, dell’opera e dei concerti sinfonici l’appuntamento è al Teatro la Scala in Via dei Filodrammatici. Molto vantaggioso per gli under 30, tre spettacoli al prezzo di uno. Inoltre quest’anno si fa più forte il Servizio Promozione Culturale, le cui offerte variano dall’età e al tipo di pubblico, fra incontri e seminari volti all’arricchimento intellettuale. [www.teatroallascala.org]

Vicinissimo a Cadorna, precisamente alla fermata Lanza, è il Piccolo. Il massimo del vantaggio si ottiene con la Card, suddivisa in Quartetto Oro per 4 spettacoli a 120 euro, 216 euro per 8 biglietti con la Classic Oro e, infine, il super Passport Oro per 16 spettacoli fra quelli in abbonamento.
Imperdibile è certamente l’Odyssey visto da Bob Wilson. Che ritorna dopo il successo del 2013, per una rappresentazione della necessità dell’uomo di conoscere le radici della propria esistenza. [www.piccoloteatro.org]

Al Teatro Nazionale, oggi Barclays, va in scena soprattutto la Musica.
Imperdibile è il musical Newsies, il nuovo fenomeno di Brodway in esclusiva a Milano. Firmato dalla Disney, la storia racconta dell’avventura del carismatico Jack Kelly e la sua banda che lottano per realizzare i loro sogni.
Puntate sull’entertainment card per sconti sugli spettacoli (esclusi i concerti) e sui servizi di molti partner. [www.teatronazionale.it]

Ultimo ma non meno interessante il Teatro Delfino, che delle sue produzioni di nicchia ma che creano almeno 270 posti di lavoro, spettacoli musicali e progetti indipendenti ha fatto il suo marchio di fabbrica – dice con orgoglio Federico M. Zanandrea, Direttore Artistico del Teatro Delfino che spiega: “Il Teatro Delfino è arrivato alla sua quarta stagione. Sembra passato tantissimo tempo dalla sua ‘riapertura’ e invece sono solo quattro anni. Anni bellissimi, a volte difficili, ma che ci hanno sempre regalato grandi soddisfazioni. Quando i teatri chiudono, aprirne uno e restare in piedi con le proprie forze è sempre un’impresa difficile che richiede passione, sacrifici e forse un po’ di incoscienza, ma siamo ancora qui, pronti a presentare la nuova stagione 2015-2016. Un cartellone ricco, con ben 14 titoli che faranno breccia nel cuore di pubblico e critica. Abbiamo puntato su spettacoli di qualità e un po’ fuori dagli schemi, nel tentativo di creare qualcosa di diverso e di attirare l’attenzione sulla nostra realtà. L’intenzione è quella di proporre un teatro di alto livello, anche grazie al talento di grandi professionisti, per entrare nel cuore dei milanesi. Perché vogliamo coinvolgere le persone con la nostra proposta, divertirle, emozionarle e conquistarle con la nostra freschezza, il nostro coraggio e soprattutto il nostro inesauribile amore per il teatro”.

I biglietti vanno dai 18 ai 20 euro e il cartellone cerca davvero di soddisfare ogni gusto e ogni età.

Si va dalla prosa alla commedia al genere musicale passando per le canzoni popolari e la poesia milanese di Carlo Porta e del Belli, dagli atti unici – omaggio al “Gran Varietà” di Gassman, Bice Valori, Gino Bramieri, Aldo Fabrizi, per riflettere sui viaggi al femminile di “Bellavita e altri Viaggi” (un disco ed un Premio Tenco in scena con Alessandra Faiella, Marian Trapassi e Rossella Bellantuono).

Ci sono anche Enrico Vanzina e John Pepper, in regia, a raccontare due anime perse in un bar “Danny e il Profono Mare Blu (Una Danza Apache)” così come ci saranno le Sorelle Marinetti e la radiovisione a portare alla ribalta la canzone swingata degli anni ’30 – “Quando allora Milano era la Città della Musica“, spiega Giorgio Bozzo, produttore del trio.
In occasione della conferenza stampa a Palazzo Marino, insieme ad Enzo Iacchetti e cogliendo l’occasione della presenza dell’Assessore Filippo Del Corno, ha riproposto il tema dell’esigenza di un supporto da parte delle istituzioni affinché il teatro ed i suoi artisti non debbano rinunciare alla loro professione.

Proprio Enzo Iacchetti, peraltro, ha specificato di aver deciso di essere nuovamente al Delfino con il suo spettacolo “Chiedo Scusa al Signor Gaber“, a titolo gratuito.

Appuntamento il 12 dicembre 2015 con la 140° replica – “Volevo chiudere con cifra tonda“, scherza (la sua grande tournée in giro per l’Italia è cominciata ormai 4 anni fa ed è stata un successo di pubblico e critiche).

Teatro Delfino Stagione 2015-16 - Sorelle Marinetti

Teatro Delfino Stagione 2015-16 – Sorelle Marinetti

“Sono il più longevo omaggiatore di Gaber“, ha detto, “Con questo spettacolo ho venduto 16 mila dischi e posso dire di aver avvicinato tanti giovani alla prima produzione del Signor G. (quella di ‘Torpedo Blu’, ‘Cerutti Gino’, ‘Barbera e Champagne’, N.d.r.). Vado al Delfino per sfidare me stesso e perché il Delfino rappresenta anche la sua faccia meno conosciuta del Teatro. Questo, mentre tanti miei colleghi della Tv non hanno mai messo piede su una scena o fuori dai circuiti del centro”.

Accanto a lui, un altro nome famoso in cartellone è quello di Maurizio Micheli : con Luca Sandri ha organizzato il grande spettacolo di Capodanno 2016 “Buon Anno con Maurizio Micheli“.
Aveva due giorni liberi e l’ho bloccato“, ha commentato entusiasta Sandri: venerdì 1 gennaio 2016, sabato 2 e domenica 3, spazio a ricordi canzoni, sketch per dare il benvenuto alla nuova stagione. [www.teatrodelfino.it]

La risposta? Se le istituzioni non aiutano, allora cominciamo noi per primi ad andare a teatro!

Quest’anno, tra abbonamenti e prezzi agevolati davvero si può.

Sara Emma Cervo

Sono nata in Sardegna nell’ormai lontano 1977, dove ho vissuto fino ai 19 anni per poi vagare un po’ su e giù per lo stivale e stabilizzarmi a Milano. Vivo nel quartiere Isola, amo l’arte e la fotografia, scrivo di tutto e un po’ e curo il mio blog Volevo Fare Solo La Photoeditor (http://volevofaresololaphotoeditor.blogspot.it)
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea