Halloween 2015 a Milano con i bambini? Cene a menu fisso a 25 euro, degustazioni gratuite e favole da brivido per la notte del 31 ottobre 2015. Ve le raccontiamo noi in questa top 5!

Zucche intagliate. Trucco dark. Milano in festa, e se il clima è funereo per la fine di Expo Milano 2015, un po’ di baldoria e motivi per festeggiare la troviamo subito, passando un po’ di tempo con i bambini di Milano ai quali raccontare favole del territorio, mentre noi degustiamo buoni prodotti della terra e un po’ di calore famigliare.
E’ Halloween: ecco cinque appuntamenti che non dovreste proprio perdere

Halloween 2015 benefico: menu fisso a 25 euro nei migliori ristoranti di Milano

milanorestaurantexpo.it

Torniamo a parlare di Progetto Arca Onlus perché, in occasione di Milano Restaurant Expo,
i ristoranti meneghini di alta qualità si riuniranno per una buona causa.

Fino alla sera di sabato 31 ottobre 2015  si potrà pranzare o cenare con menu fisso a 25 euro (composto da antipasto o primo piatto, secondo con contorno, dessert, caffè e coperto) o con uno sconto del 10% sul menù alla carta. 1 euro di ogni menu sarà devoluto a Progetto Arca Onlus.
A fine pasto, omaggio, una degustazione di Amaro Ramazzotti.
Tutti i ristoranti aderenti e prenotazioni online su: milanorestaurantexpo.it.

Halloween 2015 tra le guglie del Duomo ed i cantastorie

Prosegue la cavalcata di appuntamenti preziosi sui tetti di Milano organizzati dalla Veneranda Fabbrica del Duomo.

Milano: cantastorie

Domenica 1 novembre 2015, alle ore 15, le leggende di Halloween, le storie di misteriosi e atavici combattimenti si raccontano dal vivo, attraverso le statue di santi ed eroi che combattono contro leoni e uccidono i draghi. Sono i “Supereroi da Museo” del Museo del Duomo

IN ANTEPRIMA – domenica 8 novembre 2015, ore 15: CANTASTORIE AL MUSEO. “Conosci le storie dei personaggi del Duomo? Tra le antiche carte dell’Archivio della Fabbrica del Duomo si trovano infatti racconti incredibili: di signori che decidono di costruire immense Cattedrali ma anche di orafi autori del simbolo della città di Milano. Non perdere l’occasione di ascoltare le storie e gli aneddoti su coloro che hanno reso il Duomo uno dei monumenti più belli d’Italia”. 

Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano
Per ulteriori informazioni: www.duomomilano.it

Halloween 2015 : racconti gratuiti nelle biblioteche stegate

Fino al 1° novembre, cinque appuntamenti nelle biblioteche di Cassina Anna, Dergano-Bovisa, Fra Cristoforo, Gallaratese e Lorenteggio che ospiteranno storie e spettacoli per i bambini milanesi in occasione della festa di Halloween. Streghe, fantasmi, ragni e zucche, tanta paura e molto divertimento così suddivisi:

  • Venerdì 30 ottobre. Alle ore 18, presso la Biblioteca Cassina Anna, via Sant’Arnaldo 17
    La fiaba di Vassilissa, che, con la sua inseparabile bambola, vuole diventare una strega. E per far questo deve presentarsi alla terribile Babajagà, la più strega di tutte le streghe, la grande strega maestra. Vassilissa scopre così tutti i segreti delle arti magiche e con l’aiuto di bambola impara a non aver più paura. E per farsi coraggio basterà ripetere: “Oh issa, Vassilissa!”
  • Sabato 31 ottobre. Alle 10.30, alla Biblioteca Fra Cristoforo, via Fra Cristoforo 6
    Laboratorio creativo dedicato al tema della paura, a cura dell’Associazione CRCT e delle ‘donne del martedì’.
    Alle ore 16, presso la Biblioteca Dergano Bovisa, via Baldinucci 76, va in scena ‘I denti della zucca’, lo spettacolo teatrale itinerante per bambini da 8 a 10 anni, con Alessandro Tacconi e Andrea Bassani, a cura di Acetico glaciale. Nella notte di Halloween molti spiriti valicano il confine tra il mondo dei vivi e quello dei morti. Lo Spirito della Foresta accoglie il pubblico e lo conduce per sentieri sconosciuti fino alla dimora dello Spirito della Casa con racconti di paura che lasciano gli ascoltatori senza fiato per i colpi di scena. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria al numero 02.88465807.
    Sempre alle 16, alla Biblioteca Gallaratese, via Quarenghi 21, sarà raccontata ai bambini la storia ‘Pizzicamì, Pizzicamè e la strega’: una terribile strega mangia bambini tende un agguato a due fratellini e poi cosa succederà? Dopo il racconto potranno partecipare anche a un piccolo laboratorio creativo.
  • Domenica 1 novembre. Alle ore 15.30, alla Biblioteca Lorenteggio, via Odazio 9
    Storie di paura Brr…che belle!‘: la paura, i mostri, gli scricchiolii delle vecchie abitazioni, un giardino incolto e alcune leggende metropolitane… Le storie più sorprendenti e inquietanti per affascinare i bambini di ogni età. Gli autori che hanno composto le favole più terrificanti, che hanno dato corpo e voce ai mostri che hanno impressionati milioni di giovani lettori in tutto il mondo.

Halloween 2015 : percorsi gratuiti e visite guidate tra il MUDEC ed il Museo del Novecento?

Due le iniziative pensate esclusivamente per i più piccoli:

  • Museo del Novecento, Milano

    al Museo delle Culture per scoprire l’arte e la cultura marocchina (bambini dai 4 ai 10 anni, dalle ore 10 alle ore 17)- ci torneremo domani;

  • al Museo del Novecento,  per conoscere artisti contemporanei come Kandinsky, Colombo, Boriani, Pistoletto e Zorio. Si tratta del secondo appuntamento de ‘Il Mio Amico Museo‘, un’iniziativa dei musei civici, che prevede, da ottobre a maggio, proposte dedicate ai piccoli milanesi in tutti i fine settimana del mese. Dalle ore 15.30, durata di due ore, per le famiglie con bambini dai 6 ai 10 anni (8 euro a partecipante, che comprende il biglietto gratuito per l’ingresso al Museo.Ogni week end, fino a maggio, saranno disponibili e acquistabili on line su www.ilmioamicomuseo.it le offerte specifiche messe a punto per bambini e genitori con formula promozionale. Per informazioni e prenotazioni: 02.92800918, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle 18.30.

Halloween 2015: le leggende lombarde con l’amaro delle Alpi di Milano. BraulioWeen

Infine, cosa c’è di più corroborante e famigliare di una baita di montagna o una bella tavola imbandita, un camino acceso, un libro delle favole o i racconti della tradizione e qualcosa di “amaro”, ma non troppo, con cui lasciar scivolare via la stanchezza della settimana, mentre i piccini spalancano gli occhi di fronte alle storie di elfi, folletti, fate, monti…

Sono storie che si muovono di bocca in bocca. Segreti e tradizioni come le ricette di casa.

Di una di queste, casa Peloni, da 140 anni, il miscellanea di erbe e botti di rovere ha dato origine all’Amaro lombardo per eccellenza – così apprezzato Oltralpe che ci sono svizzeri che pensano che sia loro, tzè. Il Braulio [continua, dopo il salto]…

Amaro Braulio compie 140 anni e per celebrare questa storia di casa, di sapori famigliari, di storie del nostro territorio – perché tutto ha avuto inizio a Bormio, nel comprensorio dell’Alta Valtellina, denominata sin dall’antichità “La Magnifica Terra“- chi ha invitato ad una cena a tema , dal sapore di casa, in casa Dondup (via Sirtori 34 Milano  – foto sopra. Sembra o non sembra una baita?! E invece siamo in piena Porta Venezia!).

Qui, Braulio ha svelato i sapori della sua Gran Riserva 2011, perché con tempi di invecchiamento in botte più lunghi rispetto al “classico” Braulio.
Ha svelato il packaging di Natale.

Braulio Gnomo botte (Ph. Courtesy Ufficio Stampa)

Ci ha fatto sorridere i fronte al tema conviviale che giovc con le parole “Braulio” e “Halloween“.
Alla fine, però, come tradizione vuole, ha assolutamente serbato nel massimo segreto il menu di questo bouquet di erbe, celato dentro alle cantine che vivono, respirano, sotto la ridente località invernale di Bormio.

Una cantina in cui non è strano che gnomi e folletti si divertano a custodire i segreti di questo luogo di sapori e ogni tanto vogliano fare capolino tra una botte e l’altra – come è accaduto su una delle antiche botti presenti nelle cantine. Tempo fa, qui, è comparso un nodo con le sembianze di uno gnomo: occhi, naso, bocca e tanto di cappello (foto a destra).

Perché nella terra del Bormiese la cultura delle valli è fatta di leggende e storie che da secoli vengono tramandate oralmente.

Oltre a quelle legate alla ‘caccia alle streghe’ che realmente partiva dal cuore della cittadina (più precisamente dalla attuale Piazza Cavour o del Kuerc, su cui si affacciava Palazzo Pretorio: da qui partiva l’ultimo viaggio delle streghe condannate in direzione di “La Giustizia” – località fra Premadio e Bormio – dove le attendeva un falò volutamente pubblico), in queste terre vivevano anche Stregoni, Streghe, Maghet, simpatici e dispettosi esseri che popolano i boschi della Valtellina animandone fiabe e leggende, e Konfinà, anime che vivono sulle più alte montagne e nei luoghi più nascosti delle valli, destinate a picchiare sulle rocce con pesanti mazze di ferro che vengono loro cambiate ogni sette anni: queste tradizionali figure mitologiche della montagna ritornano nelle fiabe tradizionali della Valtellina.

Fiabe antiche e moderne oggi raccolte nel volume “Polvere di Fiabe”, Alpinia Editrice Bormio, scritto da Lorenza Fumagalli, archivista storica del Comune di Bormio (www.braulio.it).

Ma… vi ricordate anche tutte le storie di fantasmi e presenze di Milano?

Da sorseggiare responsabilmente. Ancora meglio se la notte di Halloween.

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Riguardo a Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.