3 novembre 2015: Milano a piedi. Blocco delle auto? Macché: è un aperitivo gratuito per scoprire la Milano nascosta, ecco i dettagli

Il 3 novembre 2015, da Palestro, Milano, partirà il terzo anno di Milano a Piedi (su instagram @milanoapiedi): nuovi orizzonti per scoprire Milano.

Milano è bella in bici, in tram, sull’acqua, dall’alto e, certamente, anche a piedi. Di questo motto, noi di Milanoin ne siamo promotori sin dalla nascita del nostro portale (ben prima che l’Area C demotivasse qualsivoglia sforzo di ingresso in città con l’auto). Un gruppo di studenti universitari, nel 2014, ha avuto pressoché la nostra medesima idea. Solo, l’ha resa virale.

Milano a Piedi ph. Instagram

Così, sfruttando al meglio Facebook e i social media in generale ha generato il movimento “Milano a Piedi”.

Milano a Piedi significa, citiamo testualmente “(ri)scoprire la città attraverso passeggiate serali in cui conoscere nuova gente, aiutando anche i numerosi studenti e lavoratori fuori sede a conoscere meglio la città“.

Domani, martedì 3 novembre, inizierà la terza edizione.

Partenza alle 19.30 dai Giardini Indro Montanelli, dal Museo Civico di Storia Naturale, per arrivare all’appena ristrutturata piazza del Cimitero Monumentale, visitando durante il percorso, Stazione Centrale, Palazzo Lombardia e Porta Nuova/Garibaldi.

Durante il percorso si scopriranno luoghi straordinari di Milano, ai quali molto spesso non facciamo nemmeno caso.

Per condividere le migliori fotografie scattate durante le passeggiate: @milanoapiedi, @#MaP #MaP3punto0 #AmaMI #StiamoLavorandoPerVoi.

Per maggiori informazioni:  Pagina Facebook.

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Riguardo a Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.