Milano Vintage Week, quarta edizione: dal 6 all’8 novembre 2015 Milano torna ad essere la capitale del vintage di qualità

Milano Vintage Week 2015

Dopo il successo dell’edizione primaverile, in questa prima settimana di novembre torna l’appuntamento più atteso dai collezionisti e appassionati di vintage. Da venerdì 6 a domenica 8 novembre Milano sarà la capitale italiana della cultura retrò con la IV edizione della Milano Vintage Week, la kermesse del vintage di qualità ideata da Andrea Franchi e Francesca Zurlo e possibile grazie alla collaborazione con A.N.G.E.LO.

Milano Vintage Week 2015Un’occasione unica per acquistare capi e accessori d’annata, ma anche una full immersion nella storia del costume degli ultimi sessant’anni. In via G.B. Piranesi 4, dalle 10.00 alle 21.00 i migliori espositori di vintage danno appuntamento con un’eccezionale selezione di abiti, accessori, gioielli, tessuti, oggetti e arredi, ma non solo. A fare da cornice ritroviamo ancora una volta un ricchissimo programma di appuntamenti e incontri a tema, a cominciare dalla mostra su Valentino (dall’archivio di A.N.G.E.L.O) che attraverso 18 abiti racconta lo stile italiano del grande couturier. Dalle 12.00 alle 20.00 spazio al lavoro della personal shopper nella persona di Serena Autorino alias The Peter Pan Collar e ancora sessioni di beauty e make-up in perfetto stile anni ’50, ’60 e ’70.

Ma Milano Vintage Week è anche beneficenza con il progetto Vintage Solidale della Fondazione Francesca Rava: il passato ritorna per dare un futuro ai giovani. Il 100% del ricavato delle donazioni dello stand della Fondazione andrà a sostegno del programma Borse di Studio per i ragazzi delle case-orfanotrofio gestite ad Haiti.

Il costo del biglietto è di appena 3,00 euro. Per maggiori informazioni visitare il sito.

Ph. Credit: Valerio Giannetti

Classe 1988, sono nata in un caldo giovedì di agosto in Brera, uno dei quartieri più belli della mia città. Dalla passione (divenuta laurea) per le lingue straniere all'attività di blogger e giornalista freelance, il passo per me è stato molto breve. Oggi mi occupo di comunicazione, ma scrivere di Milano è scrivere delle proprie origini.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea