Il Bosco Verticale di Milano è il grattacielo più bello del mondo, il premio planetario per l’architettura 2015

Il Bosco Verticale di Milano, uno dei nuovi simboli di Expo Milano 2015 e della nostra città rinnovata, è il grattacielo più bello del pianeta. Nel premio annuale all’architettura migliore del pianeta, il Council on Tall Buildings and Urban Habitat promosso dall’Illinois Institute of Technology di Chicago l’ha preferito al World Trade Center di New Yor. Il commento dell’architetto-premiato Stefano Boeri.

Il Bosco Verticale è il grattacielo più innovativo del mondo. Quello che per architettura, disegno, contenuto e idea meglio si inserisce nell’ambiente della sua città.

A decretarlo è stato il Council on Tall Buildings and Urban Habitat (CTBUH), organismo internazionale del settore edile, promosso dal Illinois Institute of Technology di Chicago, che l’ha preferito all’One World Trade Center di New York, al Capita Green di Singapore e alla Burj Mohammed Bin Rashid Tower di Abu Dhabi. Ennesimo riconoscimento dopo l’International Highrise Award 2014 (ne avevamo parlato anche noi a questo link).

A Chicago per la premiazione, l’architetto Stefano Boeri – che ha disegnato, con il suo studio, uno dei simboli di Expo Milano 2015 -, ha scelto il canale di Twitter per esprimere tutto il suo entusiasmo e soddisfazione:

Che cos’è il Bosco Verticale di Milano, in numeri

Il Bosco Verticale è un sistema architettonico-abitativo costituito da:

  • 2 torri residenziali;
  • 115 m di altezza una torre;
  • l’altra di 75 m;
  • 27 e 19 piani per ciascuna delle due torri;
  • 113 abitazioni in tutto;
  • 800 alberi alti dai 3 ai 9 m;
  • 11mila piante tappezzanti:
  • 5mila arbusti;
  • 100 specie diverse, circa;
  • 1 ettaro di foresta è la sua estensione complessiva.

Bosco Verticale, il grattacielo più bello del mondo. La scheda del CTBUH:

La facciata del Bosco Verticale è un’interfaccia attiva con l’ambiente circostante. Il progetto è eccezionale perché le piante agiscono come un’estensione dell’involucro esterno dell’edificio. La giuria ha giudicato questo esperimento rivoluzionario“.

Bosco Verticale fa respirare Milano

Con la sua ricchezza botanica, il fogliame di Bosco Verticale è in grado di filtrare la polvere, i gas di scarico, migliorando la qualità dell’aria e riducendo l’inquinamento, anche quello acustico.

Il Nostro Commento

In queste ore di tristezza e in cui aleggia il terrore del terrorismo in Europa, è un orgoglio vedere premiato uno dei simboli della nuova Milano.
Milano che è sempre più città Europea e che per questo potrebbe essere nell’occhio del ciclone chiamato Isis.
Per fortuna, o per bravura degli addetti ai lavori, nulla è accaduto durante Expo Milano, ma se il Bosco Verticale è un simbolo di progresso e di respiro della città a livello planetario, allora speriamo solo che una boccata di ossigeno arrivi anche sul piano sociale e politico di questo mondo sempre meno green e pulito.
Speriamo che questo simbolo, come tutti gli altri di Milano e delle altre città del mondo, non soccombano sotto le armi di chi disprezza la creatività e l’Arte.

Photo Copertina: Bosco Verticale, foto di Paolo Rosselli – Milano.repubblica.it

Classe 1988, sono nata in un caldo giovedì di agosto in Brera, uno dei quartieri più belli della mia città. Dalla passione (divenuta laurea) per le lingue straniere all'attività di blogger e giornalista freelance, il passo per me è stato molto breve. Oggi mi occupo di comunicazione, ma scrivere di Milano è scrivere delle proprie origini.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea