Nuove regole per l’Area C: ecco cosa cambierà nel 2017

Tempi duri per gli ingressi dentro l‘Area C di Milano: Palazzo Marino sta pensando ad una serie di cambiamenti che ridurrebbero ulteriormente gli ingressi in città.

Da quando è stata inserita, nel 2009, l’Area C – l’area del centro storico di Milano con restrizioni di accesso per alcune tipologie di veicoli – è stata una manna per le casse dello stato, un bel problema per i residenti nella circonvallazione più interna, come per i titolari di veicoli a benzina.

Più tranquilli gli automobilisti dotati di una vettura a metano o a Diesel, per i quali le restrizioni erano ben limitate. Ma tutto questo potrebbe cambiare.

A partire dal 2017, l’ ingresso potrebbe essere a pagamento anche per le auto a metano e gpl. Allo studio ci sono anche nuove regole per il carico-scarico. 

31 DICEMBRE 2016. E’ il giorno della fine delle proroghe decise dalla precedente amministrazione.

AREA C GRATIS: continuerà ad esserlo per i mezzi elettrici e ibridi,  per i ciclomotori e i motoveicoli intesi come moto, tricicli e quadricicli. Ingresso gratuito per i veicoli che trasportano disabili muniti di contrassegno oppure persone dirette al pronto soccorso.

DIVIETO AREA C: oggi è  vietato ai veicoli a benzina Euro 0 e a gasolio/diesel Euro 0, 1, 2 e 3 (tranne quelli dei residenti).

AREA C PER TUTTA MILANO? Non per il momento. La Cerchia dei Bastioni non è stata estesa.

Ingresso orari Area C

 L’Area C è attiva nei giorni feriali con i seguenti orari:
Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì: 7:30-19:30
Giovedì: 7:30-18.
L’Area C non è attiva nei giorni festivi.

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Riguardo a Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.