Il ponte verde sulla ferrovia di Porta Genova: come sarà e quando riaprirà, nel 2017

Entro dicembre riaprirà il ponte verde sulla ferrovia di Porta Genova recitavano i quotidiani nazionali all’inizio dell’autunno scorso, con tanto di foto. Promessa mancata da parte del Comune che durante le Feste ha comunque lavorato ai progetti di riqualificazione dello Scalo ferroviario che, da mesi, ha spezzato a metà il quartiere di Porta Genova. Ecco come sarà.

Più che un ponte, per decenni il ponte di ferro di Porta Genova è stato un simbolo traghettatore dal bohémien quartiere dei Navigli e della Darsena al più hipster e modaiolo distretto di via Savona-Tortona.

Ha fatto da termometro dell’affluenza di pubblico durante le manifestazioni più glamour di Milano, come il Fuorisalone, durante il quale il ponte verde di Porta Genova faceva da naturale ‘buttafuori’ con i suoi ingorghi lunghi ore.

E’ stato scenario di installazioni di guerrilla marketing e fantasiose campagne di comunicazione.

A settembre 2016, l’amara sorpresa: il ponte era chiuso e via Tortona tagliata fuori dal Quartiere di Porta Genova.

Lavori in corso. Una mappa sul cancello di recinzione con un sommario percorso per circumnavigare l’area e accedere da Piazzale Cantore.

La Storia del ponte in ferro di Porta Genova

ponte verde porta genova via tortona milano | blog.urbanfile.org

Forse non tutti sanno che la struttura venne realizzata tra il 1912 e il 1917 dalla ditta Nathan e Uboldi. Da allora, poggia su coppie di colonne corinzie in ghisa collegate a travi e tiranti.
Nel tempo il ponte è stato sottoposto a vincoli architettonici.

Da aprile 2016 è stato dichiarato di particolare interesse storico e artistico per decisione del ministero dei Beni culturali quindi, oggetto di numerosi interventi manutentivi nel corso degli anni (l’ultimo nel 2007), decisi unitamente a Ferrovie dello Stato.

Quello del 2016-2017 è il primo intervento di tipo così completo.

A Natale, nel nuovo luogo simbolo di Tortona District, cioè BASE, la presentazione di come sarà il nuovo ponte di Porta Genova

 

Il nuovo ponte su Porta Genova sarà un percorso doppio, pedonale e ciclabile, largo quasi 5 metri, alto poco più di 2 metri, delimitato su entrambi i lati da portali e pannellature.

Collegherà: attraverserà lo scalo di Porta Genova, ripristinando la connessione con l’asse Savona/Tortona/Solari, frutto della collaborazione tra il Comune, Ferrovie dello Stato e Sistemi Urbani, la società controllata in toto da Fs che si occupa del patrimonio del gruppo.

Tempo stimato del cantiere: apertura l’ultima settimana di dicembre 2016. Il termine è previsto per fine gennaio. Ci sarà un passaggio poco lontano (a circa 50 metri) che costituirà la temporanea alternativa per la ricomposizione del quartiere, dimezzando il percorso oggi obbligato per passare da una parte all’altra dello scalo, e provvedendo ai necessari lavori di manutenzione del progetto. In corrispondenza dei punti dei punti di innesto del percorso verranno aperti dei varchi con una passerella provvisoria.

Altri interventi: in via Ventimiglia ci sarà l’allargamento del marciapiede, la posa di alcuni scivoli e la tracciatura di passaggi pedonali in corrispondenza con i varchi di accesso alla passerella.

[foto cover: miscibishi | fonte progetto: sito comune.it 22 dicembre 2016]
Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Riguardo a Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.