L’Isola bella di Milano: dentro il quartiere con il documentario di Corriere.it

Corriere.it ha dedicato un breve e intenso video documentario a Isola, uno dei quartiere più belli, nonché uno dei segni tangibili del nuovo Risorgimento di cui Milano è protagonista e che noi stessi stiamo vivendo sotto i nostri occhi. Guardiamolo insieme!

Isola, il suo quartiere, le sue fucine creative, le vecchie fonderie napoleoniche, i nuovi atelier, chi è arrivato da pochi anni e chi la conosce da decenni.

C’è tutto, tanto condensato in pochi minuti, in questo videodocumentario che Corriere.it ha dedicato al quartiere del Bosco Verticale, del Frida, dei motociclisti, del Deus, dei barber shop e le vecchie case di ringhiere sempre più chic.

C’è ancora qualcuno che si ricorda dei tempi in cui andare in Isola era pericoloso.

Non ne saranno passati più di otto, nove, quando per raggiungere Thaon De Revel dovevo attraversare Milano, compiere un viaggio della speranza sui mezzi dell’ATM e superare viale Zara con l’ansia del… e cosa mi capiterà laggiù?

Isola allora era famosa come quartiere di malfattori, povera gente e animosi riottosi.
Oggi poco è rimasto dell’anima buia di quella Isola confinata, letteralmente isolata da via Farini e il ponte sulla Ferrovia. Era nata proprio così, un po’ in disparte, una zona franca. E oggi è una isola bella e felice, parte pulsante e viva di un sistema più grande, la città di Milano, che sta vivendo una nuova era della risorgenza delle arti e delle “humanae culturae”.

Ce lo racconta bene questo video documentario del Corriere.it. Nel caso in cui ve lo foste perso, guardatelo insieme a noi:

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Riguardo a Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.