Avocado Week a Milano, il ritorno: ecco dove e quando!

Avocado Week torna a Milano dal 6 all’8 giugno. L’appuntamento con il frutto esotico più in voga tra i meneghini è sarà di nuovo protagonista da East Market Diner, a Lambrate.

Dopo il successo delle precedenti edizioni, la kermesse dedicata al frutto esotico più cool del momento torna nello spin-off di East Market.

Solo per quattro giorni sarà possibile togliersi ogni voglia di avocado, tra piatti e drink preparati espressi.

Qualche nome? Nachos con guacamole fresca fatta in casa; “Avocado Toast” con pane integrale, avocado e uovo in camicia; “Avocado Burger” con un frutto farcito di tartarre al salmone, insalata e cipolla rossa; “Avodado Pokè” con riso e salmone o tonno o versione vegana con tofu e una varietà di centrifughe sempre a base di avocado.

Novità di questa edizione saranno le “Avocado Chips” ovvero avocado tagliato a sigaretta impanato e fritto, “Avocado Cheescake” il famoso dolce freddo in questo caso sempre a base del frutto tropicale e “Avodrink” uno speciale cocktail a base di avocado e rum.

“Oltre alla sala interna, da East Markert Diner è anche disponibile il terrazzo sul tetto dell’edificio con quaranta posti a sedere e proprio per la natura informale e legata alla tradizione dello street food non è previsto il servizio al tavolo” ci garantiscono gli organizzatori.

Tutte le info e le novità su facebook.com/eastmarketdiner, eastmarketmilano.com e instagram.com/eastmarketmilano/.

Avocado Week a Milano

giovedì 6 giugno dalle 18 alle 24
venerdì 7 giugno dalle 18 alle 24
sabato 8 giugno dalle 12 alle 16 e dalle 18 alle 24

Via Privata Giovanni Ventura, 16 – Milano
Ingresso Libero
Infoline 0266661881

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Riguardo a Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.