5 chicche da vedere nella sede del Banco BPM di Milano a Piazza Meda

Sabato 5 ottobre torna la XVIII edizione di Invito a Palazzo. Dalle 10 alle 19, ingresso libero in uno luoghi normalmente non accessibili al pubblico.

Sabato 5 ottobre torna la XVIII edizione di Invito a Palazzo, l’iniziativa promossa dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI) sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e col Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dell’UNESCO grazie alla quale alcuni palazzi delle Banche operanti in Italia e delle Fondazioni di origine bancaria aprono le porte delle proprie sedi svelando capolavori e dettagli straordinari.

Un’occasione per tutti di scoprire gli edifici più straordinari della propria città, di antica fattura o di più contemporanea commissione, normalmente non accessibili al pubblico.

A Milano, la giornata avrà il suo cuore pulsante nella sede di Piazza Meda di Banco BPM.

La stessa iniziativa avverrà in contemporanea anche nelle sedi delle altre città di Banco BPM, ovvero:
a Verona, Palazzo Scarpa – Piazza Nogara 2; a Novara, Palazzo Bellini – via Negroni 12; a Bergamo, Palazzo Storico Creberg.

Dalle 10.00 alle 19.00, la sede milanese dell’istituto di credito spalancherà le sue porte con, guide d’eccezione, gli studenti delle scuole superiori che partecipano al programma “Guida per un giorno”, un percorso culturale che rientra nel Progetto del MIUR Alternanza Scuola-Lavoro sostenuto con l’ausilio degli Uffici scolastici regionali.

Solo lo scorso anno l’iniziativa ha attirato 6.300 visitatori e quest’anno le aspettative sono ugualmente importanti considerato che questa giornata milanese coinciderà con l’inaugurazione della mostra “Mario Sironi: Il volto austero della pittura”, curata da Angelo Piazzoli e Paola Silvia Ubiali in collaborazione con la Fondazione Credito Bergamasco e con l’appoggio dell’Associazione per il Patrocinio e la Promozione della Figura e dell’Opera di Mario Sironi di Milano.

La mostra “Mario Sironi: Il volto austero della pittura” comprende circa 50 opere e si sviluppa intorno a un nucleo appartenente alla Collezione Banco BPM che abbraccia il periodo che va dai primi anni Trenta fino agli anni Cinquanta, a cui si aggiungono numerosi lavori provenienti da importanti collezioni private e realizzati durante tutto il corso del Novecento (aperta fino all’8 novembre).

5 cose svelate che potrete vedere nell’invito a Palazzo presso la sede del Banco BPM di Milano

  • gli interni del palazzo di piazza Meda, costruito negli anni Trenta su progetto dell’architetto Giovanni Greppi,
  • l’imponente cupola velario alta 18 metri che copre un’area di 1.000 mq,
  • i cinque affreschi provenienti da Palazzo Corio Casati,
  • una riproduzione a grandezza naturale del Cenacolo Vinciano
  • la scultura di Arnaldo Pomodoro Movimento (1970-71).

Le visite sono guidate gratuite e senza bisogno di prenotazione.

Foto Pinterest da sito BPM

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Milanoincontemporanea
Riguardo a Paola Perfetti

Sono nata al Fatebenefratelli, zona Brera, una delle zone più bohemienne di Milano, che non poteva che portarmi alla laurea in Storia dell'Arte. Nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea per non metterla da parte.