Ri-Scatti al PAC di Milano: una mostra fotografica svela una chicca d’arte

C’è un luogo a Milano che nasconde la sua anima contemporanea, milanesissima e internazionale. E’ un Padiglione avvolto nel verde dei Giardini di Palestro, dal quale sono passati grandi nomi del calibro di Marina Abramovic (ricordate? C’eravamo), le sfilate di Tod’s, percorsi espositivi e shooting fotografici.

Il PAC, Padiglione d’Arte Contemporanea, in origine ospitava le scuderie della Villa Reale, oggi Galleria d’Arte Moderna (GAM). La sua storia inizia nel 1947 quando il Comune di Milano, in cerca di un nuovo spazio per le collezioni delle Civiche Raccolte del XX secolo, individuò in questo spazio distrutto dai bombardamenti del 1943 la location perfetta per un museo per l’arte contemporanea, in potenziale crescita.
Una naturale “estroflessione” di quella Villa Reale già sede della GAM dal 1921.

Sono trascorsi settant’anni di storia con vicende alterne, sono trascorsi tempi ed eventi tutti vissuti dentro lo spazio modulare di vetro e bianco progettato dall’architetto Ignazio Gardella.

Sono trascorsi cinque anni da quando il PAC ospita la mostra fotografica “Ri-scatti: AMICO FRAGILE“, una antologia di centododici fotografie, venti disegni, un’audio-installazione e una raccolta di testimonianze scritte ad opera di nove ragazzi, di età compresa tra i 12 e i 20 anni, che hanno vissuto il dramma del bullismo in tutte le sue forme, o lo sono ancora oggi.

In programma fino al 17 marzo, è organizzata per il quinto anno consecutivo insieme al Padiglione di Arte Contemporanea di via Palestro da RISCATTI Onlus – l’associazione di volontariato milanese che dal 2014 realizza progetti di riscatto sociale attraverso la fotografia – e promossa dal Comune di Milano con il sostegno di Tod’s.

Oltre che un proposito narrativo di “risveglio delle coscienze”, la mostra fotografica contiene anche un risvolto charity: le istantanee esposte saranno messe in offerta e il ricavato sarà utilizzato per finanziare attività dedicate alle vittime di bullismo all’interno della Casa Pediatrica del dipartimento materno infantile dell’ospedale ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano.

Proprio da questa struttura specializzata, diretta dal Dott. Luca Bernardo, provengono infatti alcuni degli adolescenti vittime di bullismo che hanno partecipato al progetto: i ragazzi sono stati impegnati per due mesi in un workshop di fotografia organizzato da RISCATTI a cura dei fotografi Amedeo Novelli e Luca Matarazzo (WJ – Witness Journal) e con il coordinamento della ex giornalista del TG1 Federica Balestrieri, fondatrice di Riscatti onlus.

RI-SCATTI. AMICO FRAGILE

08 Marzo 2019 – 17 Marzo 2019
Ingresso libero, tutti i giorni
9:30 -19:30
Informazioni: Pacmilano.it

Giardini Milano: i 5 più belli da scoprire rivelano storie straordinarie

Giardini a Milano: i 5 più belli da scoprire rivelano storie straordinarie. Dal Giambellino a Palestro arrivando ai tulipani di Cornaredo continua a leggere Giardini Milano: i 5 più belli da scoprire rivelano storie straordinarie

Innocent al Coffice: un evento gratuito di bontà a misura di smoothie

Tanto di cappellino è la catena solidale che, a colpi di ferretti e gomitoli di lana, veste i suoi smoothie e regala un sorriso ai meno fortunati.continua a leggere Innocent al Coffice: un evento gratuito di bontà a misura di smoothie

Inner_Spaces al Centro San Fedele, cronaca di una serata di musica

La rassegna Inner_Spaces (sottotitolo: Identità Sonore Elettroniche) e il luogo che la ospita (l’Auditorium San Fedele di via Hoepli) sono due “features” più uniche che rare nel panorama milanese e italiano.

Ci siamo tornati, ritenendo che meritino la massima visibilità per la particolarità del contenuto artistico e tecnico che esprimono.

Particolarità dal punto di vista tecnico, perché l’Auditorium San Fedele è dotato dell’unica istallazione italiana dell’Acusmonium Sator (ricordate l’inaugurazione: qui). Si tratta di un tentacolare impianto di diffusione sonora spesso descritto come “orchestra di altoparlanti”, in quanto composto da decine di diffusori, diversificati per gamma di frequenza, disposti ad anelli concentrici a varie distanze dalla platea (davanti, dietro, di lato, sotto le balconate e sul soffitto), e governati da una consolle centrale che consente di distribuire spazialmente i suoni nelle 3 dimensioni in tempo reale durante l’esecuzione, con un effetto dinamico e immersivo che ridicolizza i normali impianti surround.
Chi governa l’Acusmonium non è un fonico nel senso tradizionale del termine, ma un “performing artists” con un ruolo analogo a quello di un direttore di orchestra (i puristi per favore tollerino l’analogia).

Particolarità dal punto di vista artistico, perché il fulcro del programma Inner_Spaces è una serie di esibizioni di alcuni tra i migliori talenti nazionali ed internazionali nei campi della musica elettronico-sperimentale e delle arti audiovisive, spesso con opere presentate qui in prima assoluta. La stagione 2018-19 in corso di svolgimento – la quinta dalla nascita della rassegna – prevede un totale di 20 artisti in 10 serate.

Questo già ricco piatto è affiancato da una proposta formativa orientata all’ascolto della musica elettronica (11 lezioni gratuite in collaborazione con il Conservatorio di Milano) e al “field recording” (6 lezioni tenute dai professori Nicola Scaldaferri e Maurizio Corbella).

A completamento di quanto sopra, una selezione di classici del cinema (2001: Odissea Nello Spazio di S. Kubrik; Solaris e Lo Specchio di A. Tarkovskij) con audio… acusmonizzato.

Ed eccoci alle due esibizioni a cui abbiamo assistito questo lunedì 25 febbraio, in cui per la prima volta nel corso della rassegna Inner_Spaces si è sperimentato il rapporto tra musica sacra e musica elettronica / concreta.

Per la cronaca:
Nella prima parte abbiamo ascoltato la formazione Ars Monodica (Beatrice Palumbo: canto, Matteo Giuliani: composizione, Giovanni Cospito: regia acusmatica) che ci ha portato molto indietro nel tempo con inedite rivisitazioni di due brani classici: Kyrie eleison, antica preghiera della liturgia cristiana, e O virga ac diadema di Santa Ildegarda da Bingen (1098-1179), e con l’utilizzo dell’elettronica per ricreare la complessa acustica di una cattedrale.

Nella seconda parte Robert Lippok, artista multimediale e musicista di avanguardia ben noto nella scena ambient-elettronica (vi basterà googlarlo e capirete), ha presentato una sua nuova creazione intitolata Crucifixus in cui, attraverso registrazioni di rumori cittadini, voci e suoni percussivi trasfigurati oltre il limite della riconoscibilità con distorsioni digitali, riverberi, echi, loop e altro che non saprei qualificare, ha rievocato le atmosfere e le dinamiche della Passione di Cristo del compositore veneziano Antonio Caldara (1670-1736).

Al di là dei dati di targa delle opere presentate questa sera (maggiori dettagli disponibili sul sito del Centro San Fedele), devo confessare la mia difficoltà nel descrivere l’esperienza interiore creata da un connubio di elementi così apparentemente eterogenei e, soprattutto per quanto riguarda la performance di Robert Lippok, così astratti.

Questa difficoltà narrativa deriva probabilmente da una mancanza di punti di riferimento, di modelli pre-assimilati che potrei utilizzare per decodificare ciò che ho ascoltato, consentendomi di trasmetterne un’immagine più nitida, ma che al tempo stesso ne avrebbero sminuito la magia.

L’assenza di modelli di riferimento, in parte intrinseca alla natura stessa di un materiale sonoro che sfugge completamente ai tradizionali concetti di ritmo / tonalità / armonia / quant’altro, e in parte dovuta ad una modesta conoscenza dello scrivente su questo metodo creativo, non mi impedisce di trarre godimento da questi “inner” ascolti.

Il piacere dell’ascolto sul triplice livello fisico, emotivo e intellettuale (in percentuali non meglio definite) e la curiosità verso forme artistiche che sono massimamente figlie del presente (e con ampi margini di inesplorato), per me sono fattori che creano dipendenza e che mi faranno tornare al Centro San Fedele.

Questa stessa curiosità mi piacerebbe suscitare nei nostri lettori.

Credo che ognuno possa mettere alla prova i propri gusti, rischiando al massimo di “sprecare” 8 euro (costo del biglietto fino al giorno prima di un evento Inner_Spaces). Un prezzo così popolare è un incentivo a sperimentare con i propri orizzonti percettivi; nella peggiore delle ipotesi avrete acquisito un’esperienza unica che, seppure vi lasciasse insensibili sulle prime, potreste trovarvi a rivalutare nel tempo generando in voi appetiti che non sapevate di avere.

Cosa si può comprare di meglio e di più duraturo per la stessa cifra?
Programma completo consultabile su Centrosanfedele.net