Mappa di Leonardo da Vinci a Milano: 5 luoghi in cui incontrarlo

Aspettando il 2019, che sarà l’anno dedicato a Leonardo da Vinci, già sono molte le mostre e gli eventi che Milano dedica al maestro toscano: 5 sono i luoghi in cui incontrarlo tutto l’annocontinua a leggere Mappa di Leonardo da Vinci a Milano: 5 luoghi in cui incontrarlo

Dalla Milano da bere all’aperitivo che fa cultura contemporanea (Malibu e Ramazzotti)

Milano si racconta in media re, ovvero va direttamente al nocciolo della questione e parla di sé attraverso le campagne pubblicitarie e quelle di comunicazione. Minimo comune denominatore: il bere. L’obiettivo: farlo instillando goccia per goccia la cultura della responsabilità.

Da una parte c’è Malibu, che i frequentatori delle Colonne di San Lorenzo avranno visto aver allestito una mostra fotografica interattiva composta di 6 pannelli bifacciali. Fino al 20 settembre e con il Comune di Milano presentano i primi frame dei video realizzati ad hoc per il progetto con il motto di “Bevi ma con moderazione”. In pratica, nel luogo “clou” degli aperitivi milanesi e dello sballo, Piazza Vetra e dintorni, Malibu (Gruppo Pernod Ricard) propone attraverso sei filmati altrettante ricette per realizzare cocktail a base di Malibu. Non solo “cocco” ma anche app: “LAYAR” è scaricabile free con Hot Spot WiFi gratuito in loco (deo gratia, N.d.r.) tramite apposito QR Code. E non è una bugia.

E così, guardando quella realtà aumentata saltano alla memorie le pubblicità dei grandi amari, digestivi e rum che hanno avuto il Duomo come sfondo della loro storia.

Dal cartellonistica divenuta arte di Fortunato Depero e Marcello Dudovich
campari_depero_355

alla rivisitazione del Cynar in chiave Elio e Le Storie Tese (con stilisti che alle soglie della Milano Fashion Week calzano a pennello)

oggi la nuova rotta è segnata dall’amaro Ramazzotti che dopo aver inventato la “Milano da Bere” (Marco Mignani, campagna 1986), ora torna alle sue origini ed ai suoi prodotti di punta – Amaro, Aperitivo, Sambuca – per offrirci una metropoli, o meglio, una domanda : “Posso offrirti una città?”.

Milano da bere - Ramazzotti

Tre vedute di Milano – lo skyline per Amaro, lo stadio di San Siro per la Sambuca e le Colonne di San Lorenzo per l’Aperitivo – raccontano con tre semplici immagini i nodi nevralgici e soprattutto il modo in cui i meneghini socializzano. Ovvero, bevendo.

Libiamo nei lieti calici ma con moderazione d’altronde, come direbbe il buon Ernesto Calindri, cosa c’è di meglio “Contro il logorio della vita moderna“?

Un aperitivo da prendere a pugni (di boxe)

 

Ci sono giorni in cui verrebbe una gran voglia di prendere a cazzotti qualcuno vero? Ma NON si può fare, a meno che non si tratti di un vero incontro di pugilato. In tal caso, sarebbe cosa buona e giusta anticipare il momento dell match concedendosi tanto esercizio, un buon allenamento, un paio di guantoni adatti a salire sul ring. E’ un po’ quello che accade anche nella nostra vita di tutti i giorni, dove districarsi tra questo e quell’altro diventa quasi un’arte. Il nuovo mestiere delle arti? La chiamano più arte dell’arrangiarsi ed il momento dell’aperitivo è quello più creativo in cui dare un saggio delle proprie capacità. Ma… se facessimo all’ora di cena?continua a leggere Un aperitivo da prendere a pugni (di boxe)

Camparino in Galleria?

Addio Zucca: ora La Rissa in Galleria è un’esperienza al rabarbaro che piace ai (Bam)Boccioni di Milano.

L’appuntamento per l’aperitivo più meneghino è tornato a vivere all’angolo fra Piazza Duomo e Corso Vittorio Emanuele, non per un evento in stile Milanoincontemporanea, ma per la riapertura del mitico bar-ristorante di un secolo fa al quale hanno preso parte l’artista Ugo Nespolo, il presidente della Camera di Commercio Carlo Sangalli e l’assessore comunale al Commercio Franco D’Alfonso, oltre che la famiglia Milani, storico gestore del cafè.continua a leggere Camparino in Galleria?