Pu-erh capsule collection: l’Arte del Ricevere il tè. Un angolo di relax al The Brian&Barry Building Sanbabila

Non di soli aperitivi, cene, solluccheri al sapore di vino sono fatti gli incontri contemporanei a Milano.
Oggi ce la siamo presi un po’ con calma per questa pubblicazione perché oggi vogliamo segnalarvi un luogo, un oggetto ed un appuntamento che da secoli esige il suo tempo, i suoi rituali, la sua Arte del Ricevere.

Ricordate The Brian&Barry Building Sanbabila? Il nuovo building di San Babila mira ad essere una “factory di shopping experience” – e ve l’abbiamo raccontato.

Proprio per rendere ancora più “esperienziale” il momento dell’acquisto e concedere una pausa di relax ai propri ospiti, in uno dei due piani dedicati alla moda femminile, il , il marchio italiano di tè pregiati (milanese D.O.C. – è nato a Milano nel 2002!) ArtedelRicevere, ha presentato la sua speciale Tea Capsule Collection di 6 tè Pu-erh verdi.

Pu-erh che, tra tutte le varietà di tè, rappresentano il fiore (di tè) all’occhiello del primo corner monomarca di ArtedelRicecere.

Ph. M-Barro - ArtedelRicevere corner al 5° piano del Brian&Barry Building Sanbabila

Piccolino – appena 18 mq – è un concentrato di mobili in legno tinto wengé e sabbia, stoffa nei toni del grigio tortora, boîte in metallo, teiere in ghisa, tazze di fattura orientale ed accessori coordinati. Nei cilindri in plexiglas, tutti ordinatamente disposti, le foglie di tè si mostrano nei loro cinque colori caratteristici: bianco (qualità White Snowbud), verde (Jade Criss Cross Mao Feng), nero (Darjeeling indiano TGFOP1 Makaibari 2 raccolto), blu oolong (Da Hong Pao – Robe Rouge 2012, tè oolong cinese ad alta ossidazione). Ma ci sono anche i tè affumicati, come il Crocodile Fumé, o il mèlange (ad esempio Earl Grey Fleures Bleues e St. Petersburg ai sette agrumi, oppure Brasilian Detox – blend di mate, tè verde e zenzero), e, ovviamente,  i Pu-erh.

Dal cantonese “P’ou-lei”, fanno bella mostra di loro nella loro essenza in purezza alternandosi a tisane e rooibos, prive di teina, quale il dolce Vanilla Sky (rooibos rosso con scorza d’arancio) e alcune produzioni biologiche di tè.

Sono tanti, ce n’è un’intera carta che, per i meno avezzi alla cultura del tè, diventa un’esperienza ed un’avventura: per scegliere quello più giusto c’è una persona apposita, per fortuna!

Ph. M-Barro - Capsule Collection ArtedelRicevere con Brian&BerryPer i più pratici, invece, con Brian&Barry è stata creata una speciale tea-capsule collection dedicata ai tè Pu-erh verdi (sheng cha).

Sei le “etichette” comprese: 4 annate dal 2010 al 2013 oltre a due rarità del 2011 e del 2013.

Il prezzo è abbordabile anche se non propriamente “cheap” (si va dagli 80 euro ai 180 euro a seconda dei prodotti) ma ha una giustificazione ed è un valore storico ed emozionale.

Queste foglie di tè, infatti, provengono da alberi plurisecolari, di oltre 500 anni della varietà. Di foggia larga, crescono sugli altipiani delle regioni di Simao e Xishuangbanna, nella parte più meridionale della provincia dello Yunnan, al confine con Laos e Birmania, dove hanno conquistato il soprannome di “Wonder Tonic” e “Tè medicali” grazie alle sorprendenti proprietà rinvigorenti note sin dai tempi dalla dinastia Tang.

Decisamente un appuntamento diverso rispetto al classico dell’ora dell’aperitivo o accompagnato da un buon vino? Non tanto.

Come ci spiegano da ArtedelRicevere, un’affinità in comune c’è. “Il Pu-erh è anche l’unico tè capace di invecchiare nel tempo: come un buon vino, gli uomini hanno imparato ad apprezzarne le peculiari qualità, il liquore rosso scuro quasi nero, il profumo ancestrale di terra, la texture densa, l’aroma untuoso e quasi dolce oltre alla struttura calma ed equilibrata e si appassionano nel fare degustazioni verticali per apprezzarne le singole annate“.

Non so se si dica “cin cin”, ma le tradizioni, i tè ed ulteriori informazioni sono raggiungibili a questi link: www.artedelricevere.com; www.tea-lounge.it. E concedetevi un po’ di tempo: il tè ed il weekend, a Milano, sono davvero alla portata di tutti! 😉

Brian&Barry Building Sanbabila: il nuovo mall di Milano è contemporaneo

Giovedì scorso siamo stati ospiti della inaugurazione del nuovo mall del centro di Milano, il Brian&Barry Building Sanbabila.

Progetto degli studi STUDIO CP Milano e Studio Silvano Spagna sul preesistente edificio razionalista di Giovanni Muzio del 1950, il “B&B Building” si staglia contro il cielo di Piazza San Babila per 11 piani emersi (uno è seminterrato), con almeno 4 piani dedicati alla ristorazione, 4 all’abbigliamento.

Nel mezzo, al Piano 1, Sephora è special guest star per la sezione profumi. Al Piano 2 spazio alla gioielleria “democratica” – si va da Vertu a Dodo, da Tag Heuer e Audermas Piguet, giusto per far subito qualche nome. Il che, vi dice subito quanto poco democratico sia effettivamente lo store.

Ground Floor a tutto hi-tech (tanti gli accessori iWaboo)e la caffetteria Eataly; Home decor & Design al Piano -1 (area ECLISS Milano) con La Piadina romagnola del Fratelli Maioli per Eataly.

Total 1500 metriquadri di servizi per un “LaRinascente -bis“, metà Excelsior per la ricchezza di alcune proposte, molto “Colette-Parigi” per l’allestimento di altre di cui però ambisce senza ottenerne la stessa dose di ricercatezza.

Eppure il mall è contemporaneo.

Eataly, main sponsor dell’operazione nata nel 2012 con il supporto di Unicredi e Intesa Sanpaolo, è di certo il protagonista dell’enogastronomia meneghina in questo momento, dopo aver conquistato mezzo mondo. E più contemporaneo di così….

Ci sono anche Rossopomodoro, un’Hamburgeria… insomma, al Brian&Barry Building “se magna” più che si fa shopping. Di fatto, è questo ciò che sta trainando l’economia di una Milano sempre più chef-temporanea.

I brand di ricerca ci sono, o almeno, al Piano 4 – Woman Iconic Style, e all’ottavo – Man Street Style il vintage, denim, rockabilly o gipsy-chic style sono protagonisti. E l’idea non dispiace visto anche l’affaccio, via via, sui tetti del centro città.

Contemporanea è l’offerta del tè dell’ArtedelRicevere con un nuovo proprietario – un guru contemporaneo – , Pu-erh verdi e degustazioni in previsione (le Tea Collection ed i coffret sono un po’ esosi per quanto belli nei loro scintillanti stand).

Il non plus ultra, però, è lo “chef-tatuato” Matteo Torretta.

Trentatrenne, all'”Asola” – la cucina su misura che gli è stata affidata al decimo piano – è “l’occasione della vita“, ci ha raccontato. “Dopo aver riportato in alto il Savini, ecco una grande opportunità da una grande proprietà. Cosa non perdere? Venga a provarlo da noi“, ci invita.

Il che significa passare da risotteria a pesce sui 15-30 euro con vista sui tetti di San Babila in un dehor da vertigine oppure comodamente seduti sulle proposte di design Flexform, sgabelli Feel Good disegnati da Antonio Citterio e sedie da pranzo Isabel disegnate da Carlo Colombo.

Design, shopping, cibo.
Non tutto può piacere. Ci può essere un po’ di confusione nel “progetto finale” sognato ed ora realizzato dalla “lombardissima” proprietà, la famiglia Zaccardi da Monza, ma vale la pena regalarsi una “svetrinata”.

Il mall spalanca le sue porte alle ore 7 (caffetteria) ed è aperto 7 giorni su 7, dalle ore 10 alle 22, via Durini 28 angolo via Borgogna.

thebrianebarrybuilding.it

 

Brian&Barry Building Sanbabila 17

The Brian&Barry Building_terrazza Asola_piano 9

The Brian&Barry Building_Woman Iconic Style_piano 5

Brian&Barry Building Sanbabila 01.jpg

Brian&Barry Building Sanbabila 02

Brian&Barry Building Sanbabila 03

Brian&Barry Building Sanbabila 04

Brian&Barry Building Sanbabila 05

Brian&Barry Building Sanbabila 06

Brian&Barry Building Sanbabila 07

Brian&Barry Building Sanbabila 09

Brian&Barry Building Sanbabila 10

Brian&Barry Building Sanbabila 11

Brian&Barry Building Sanbabila 12

Brian&Barry Building Sanbabila 14

Brian&Barry Building Sanbabila 14.jpg

Brian&Barry Building Sanbabila 16

Brian&Barry Building Sanbabila 17

Milano, Domenica 22 marzo: gli appuntamenti last minute

Se anche voi siete andati di corsa stamattina alla Stramilano; se anche voi ancora contate su questi sprazzi di sole in città; se anche voi avete notato che Milano è più contemporanea che mai in questa prima domenica di primavera, allora fate con noi un riassunto degli eventi Last Minute da non perdere.

MiArt in Fieramilanocity Milano. Ancora fino alle 19 di stasera, accesso al mondo dell’arte e delle 150 gallerie italiane e straniere dirette da Vincenzo de Bellis per la diciannovesima edizione della fiera dell’arte contemporanea di Milano. www.miart.it/miart-2014‎

Esxence. Al Palazzo della Triennale i gioielli in esposizione non sono solo quelli della mostra dedicata alla storia della creatività italiana nel corso del Novecento, “Fashion Jewellery Made in Italy“. Oltre 100 espositori dalle maggiori maison profumiere si contendono la palma di top “naso” e creatore tra eau de parfume, colonie, acque profumate, d’ambiente. Arrivano da Francia, Russia, Australia, Stati Uniti, con una componenete italiana molto forte che dalla Toscana a Ponza attinge dalle materie prime del Belpaese per disegnare nell’ambiente che si estende pressoché su tutto il pianterreno del Palazzo dell’Arte. Fino alle ore 18.30.

Esxence Milano 2014

Unscent. All’Excelsior Milano, un piano con il top della selezione artistica da ogni parte del mondo. Fino a domani, 23 marzo,  al Gfloor del department store di lusso.

FAI – Giornata di Primavera. Ancora per un’oretta visita ai luoghi nascosti della città. LEGGI QUI LA RECENSIONE.

KLIMT. A Palazzo Reale c’è da mettersi in coda ma, alla fine, che meraviglia… LEGGI QUI LA RECENSIONE.

BRIAN&BARRY BUILDING Sanbabila. Il super palazzo da 12 piani è stato inaugurato lo scorso giovedì, e segna una nuova primavera dello shopping e dell’esperienza d’acquisto a Milano. Ci torneremo domani 😉

Allora, siete ancora in casa!? Chiudete l’iPad! Ci vediamo #incontemporanea