Halloween 2015 e vintage weekend a Milano: tra travestimenti, balli, mercatini e bontà questo sabato 10 ottobre 2015 sarà un vero spasso! Vediamo insieme dove!

Chi fosse stato in cerca di un tranquillo sabato 10 ottobre, beh, sarà costretto ricredersi. Tra festival swing, marcia degli zombie, shopping di solidarietà e trasferte a pochi chilometri da Milano ne vedremo delle belle… e delle mostruose! Ecco dove!continua a leggere Halloween 2015 e vintage weekend a Milano: tra travestimenti, balli, mercatini e bontà questo sabato 10 ottobre 2015 sarà un vero spasso! Vediamo insieme dove!

Vintage girls, pin-up al naturale: libri e mostre raccontano il retrò

In tempi di crisi si recuperano gli stilemi del passato. L’abbiamo capito guardando alla moda maschile e a quella femminile che reinvestono barbe ispide e rossetti fuoco a vessilli di un mood anni Trenta irrinunciabili per chi si sente un po’ “Bullo” o molto “Pupa”.

L’abbiamo gustato ai party a tema, nelle collezioni di accessori come borse, scarpe….badando ai nuovi motivi musicali, sempre più swing e rockabilly (anche Robbie Williams è tornato sui sui passi da Mr. Bojangles.

Lo notiamo sempre di più nel mondo della cultura, anche in Italia.

A sinistra, Bettie Page negli anni '50. A destra, una foto di Nick Clements

A sinistra, Bettie Page negli anni ’50. A destra, una foto di Nick Clements

 

A Firenze, la sera del 7 gennaio ed in occasione di Pitti Uomo 85, il fotografo Nick Clements ha presentato il suo nuovo libro sugli anni ’20-’70 (edito in collaborazione con Roy Roger’s di Firenze – via Calimala 27r): VINTAGE GIRLS.
In pratica, un libro che parla di donne e di jeans:

L'autore, Nick Clements

L’autore, Nick Clements

royrogers- vintage girls

royrogers-vintage girls

Milano non è da meno.

In via Ariberto 31 (Sant’Ambrogio), presso lo spazio di My Loft, Pin-up dalle gonne plissé ed i capelli laccati recuperano un immaginario erotico che sa di mito, di malizia, di cultura dell’eros, di anni Cinquanta frizzanti, divertenti, positivi, pronti a fare faville e a ricostruire. L’icona per eccellenza di questa mania: Bettie Page.

Lontana anni luce dai fisici da silfide che trent’anni dopo avrebbero fatto la moda-malata che probabilmente ci toccherà vedere anche in queste Settimane della Moda meneghine, la sua silhouette è un inno alla carica vitale della femminilità.

Una mostra curata dallo studioso di fotografia Maurizio Rebuzzini e da suo figlio Filippo la celebra fino a fine mese. Un bel modo per celebrare la sana femminilità e la voglia di essere femmina senza aver paura di cadere nel volgare o nel cattivo.