Yogafestival Bimbi. 13 | 14 maggio a Milano

Al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” il 13 e 14 maggio arriva la II Edizione dello Yogafestival Bimbi.

La passata edizione ha avuto molto successo, pensate che sono stati registrati 3102 ingressi al museo ed oltre 650 bambini iscritti ai laboratori. La manifestazione, nello specifico è il primo festival in Italia dedicato allo Yoga per i più piccoli (e anche per i loro genitori), una disciplina che sta riscuotendo una crescente attenzione nel mondo dell’educazione.

Yogafestival Bimbi. Lo Yoga e i suoi benefici

Sappiamo bene, che lo Yoga è una disciplina utile agli adulti, ma non solo. La nostra è un’epoca in cui anche i bambini sono sottoposti a ritmi accelerati. Per questo, lo Yoga può costituire una risorsa preziosa per l’età pediatrica. La conferma arriva anche dai dati rilasciati dalla Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps). Lo Yoga, aiuta a migliorare la concentrazione e l’autostima, diminuisce lo stress, e accompagna il piccolo nella sua crescita.

Yogafestival Bimbi. La manifestazione

Yogafestival Bimbi. Il 13 e 14 maggio a Milano lo Yoga per i bambiniInteramente dedicato ai bambini dai 2 mesi a 12 anni, lo Yogafestival Bimbi vede una serie di attività caratterizzate da un approccio giocoso e divertente. I più piccoli potranno approfondire la conoscenza di se stessi con semplici esercizi, prove, giochi. Voi, invece potrete condividere un’esperienza unica con i vostri figli.

Yoga&Favole è il tema scelto quest’anno per Yogafestival Bimbi. Tra le novità, per prima la nuova collocazione all’interno del Museo: lo spazio Le Cavallerizze, ospita tutte le aree della manifestazione (dal nome Asana Birichine, Note Contente, Mondo a Colori, Baby Family, FiabeMagia&BabyOM e il Giardino Incantato, nel prato).

È presente la Sezione baby (dedicata ai piccoli da 2 a 12 mesi, anche con genitori). L’angolo parcheggio passeggini, in cui potrete lasciare il veicolo e scegliere la fascia marsupio. Il Pitstop bebè per allattare cambiare i neonati in comodità.

Il programma prevede inoltre tanti laboratori incentrati sul movimento e quelli dedicati al respiro. Per adulti, sabato e domenica mattina, sono proposti diversi corsi di formazione.

Yogafestival Bimbi. Il 13 e 14 maggio a Milano lo Yoga per i bambiniMa ancora, tra gli appuntamenti vi segnaliamo lo Shiatsu Family, una declinazione innovativa dell’antica disciplina giapponese da vivere in famiglia, il ritorno della Bollywood Dance. Il Baby Kirtan, le pratiche di Mindfulness declinate per i più piccoli, e uno spazio per la Merenda i Girotondo, insieme alle 16.30.

Yogafestival Bimbi. Yoga per l’infanzia.

Per tutta la durata dello Yogafestival Bimbi è attivo un punto ristoro vegetariano/vegano. De Agostini, con DeA Junior presenta il suo innovativo programma dedicato ai bambini. YoYoga, – in onda sul canale tematico DeA Kids (Sky 601/602, ma visibile anche su digitale terrestre). Seguono due incontri di Yoga condotti da Renata Centi.

La Scuola del Fumetto di Milano, nella postazione all’interno dello spazio arte, propone attività con cui gli studenti della scuola si divertiranno a disegnare insieme ai bimbi intorno ai temi del festival. Giovani Genitori sarà al Museo della Scienza con uno stand dedicato per presentare il giornale e le iniziative ad esso legate.

Sostengono il progetto Rigoni di Asiago, Provamel e Spighe&Spighe insieme a Plose.

Yogafestival Bimbi. Info e orari

Tutte le info aggiornate sull’evento e il programma dettagliato dei laboratori saranno presto online sul sito dedicato e sulla pagina facebook di YogaFestival.

Ingresso con biglietto del Museo. Orari  10:00 -18:00 (inizio laboratori ore 11)

Milano Food City. Tutti gli eventi da non perdere

Dal 4 all’11 maggio Milano Food City mostra il lato gustoso della città. Sono in programma una settimana di eventi all’insegna del buon cibo e della cultura dell’alimentazione sana all’insegna della Food Policy.

Milano diventa palcoscenico di approfondimenti e confronti sui temi legati al cibo, ma anche eventi, showcooking, tasting, presentazioni ed esperienze conviviali. Il tutto all’insegna del mangiar bene, dell’inclusione e dello scambio culturale.

Milano Food City.  Food for All e Week&Food

Milano Food City. Tutti gli eventi da non perdereDal 3 all’11 maggio Milano Food City prevede moltissime manifestazioni sul territorio milanese. Da quelle più strettamente culturali come Campus Food City a Food for All di Fondazione Feltrinelli . Ma ancora il palinsesto di Food&Friends e Week&Food. Scopriamo insieme gli eventi in città!

Si parte il 3 maggio alla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli con All For Food. Milano Food City inaugura con una festa aperta a tutta la città tra musica, performance e dj set, con Don Pasta, Filippo Solibello ed Elasti. #piusiamopiudoniamo è l’invito alla festa. Un’installazione di bilance attende i cittadini per una pesata collettiva a cui corrisponderà del cibo da donare a chi ne ha bisogno.

Dal 4 al 7 Maggio The Mall (Piazza Lina Bo Bardi, 1) diviene uno spazio dinamico tra showcooking, degustazioni e food pairing. Un ricco palinsesto di incontri aperti a tutti dove la cucina viene vissuta come luogo di confronto e di scoperta. Nel nostro approfondimento potete scoprite tutto su Taste of Milano.

Milano Food City.  Food&Friends

Milano Food City. Tutti gli eventi da non perdere in cittàMilano Food City  prosegue con Food&Friends. Palinsesto di eventi previsti dal 4 all’11 maggio organizzati da Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza all’interno di Week&Food, il “fuorisalone” di Tuttofood. Sono coinvolti diversi luoghi in tutta Milano. Tra gli eventi le Colazioni con le Torrefazioni e le Degustazioni sensoriali con le speziePalazzo Bovara (Circolo del Commercio, corso Venezia 51). Tradizione, valore dell’alimentazione e arte della tavola al Casello Ovest di Porta Venezia. I segreti della pizza, con dedustazione al Capac (viale Murillo 17). Ristoranti e locali solidali con le zone colpite dal terremoto.

Sostenibilità con la Foody Bag. La Notte Golosa al Mercato Wagner e il “1° Barbecue contest” al Mercato Morsenchio. Seguono eventi in via Piero della Francesca, Paolo Sarpi e Vittor Pisani. In programma anche degustazioni e dimostrazioni in diversi punti vendita. Aperitivi a 5 stelle nei ristoranti degli hotel; percorsi di arte e cibo con le guide turistiche.

Milano Food City.  Cibo, Arte e Cultura

Dal 4 al 9 Maggio la Casa Museo Boschi Di Stefano (Via Giorgio Jan, 15) ospita Cibi manoscritti. Manoscritti gastronomici dal ’500 al ’900, a cura di Andrea Tomasetig. In occasione di Milano Food City una selezione di manoscritti culinari di grande interesse e curiosità, di cui molti inediti, datati dal Cinquecento al Novecento e provenienti dalla biblioteca Grillo e Pagnotta. La mostra inaugura il 3 maggio alle 17:30.

Milano Food City. Tutti gli eventi da non perdere in città su MilanoincontemporaneaL’aperitivo degli antichi romani alla Cripta San Sepolcro (Piazza S. Sepolcro). Qui potrete degustare le ricette di Apicio, il più illustre gastronomo dell’antica Roma. Viene proposto un aperitivo unico a Milano con i cibi e i vini dell’antica Roma. Oltre all’aperitivo in alcune Domeniche è previsto anche il pranzo apiciano. Ingresso a pagamento a partire da da 15€. Dal 4 al 31 Maggio, ogni venerdì dalle 18:40 alle 20:30 e ogni giovedì dalle 19:00 alle 20:30.

Wanted Food: Gastronomic Adventure. In occasione di Milano Food City, il Mercato del Suffragio (Piazza Santa Maria del Suffragio, 2) si trasforma in una sala cinematografica. In collaborazione con la casa Wanted Cinema sono proiettati 4 Documentari intorno al cibo e alle nuove tendenze gastronomiche. Prezzo del biglietto 5€. Dal 4 all’11 Maggio: giovedì 20:00 – 21:30; mercoledì 20:00 – 21:30; martedì 20:00 – 21:30; venerdì 18:00 – 20:30; giovedì 19:00 – 21:30

Lo chef patissier Enrico Rizzi organizza nella sua boutique (via Correnti, 5) una mostra di Pianeti di Cioccolato. Il ricavato della vendita di queste gustose creazioni sarà devoluto al Museo della Scienza e della Tecnologia. Il Cibo è Cultura, ma anche che il Cibo può “nutrire” la Cultura. Ingresso libero.

Milano Food City.  Aperitivi e Degustazioni

Bubble Tea Molecular Mixology. MisterTea (Via Giovanni Pascoli, 60) in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano e Evo Elements, mostra come sono realizzate le bubbles tipiche del Bubble Tea. Viene utilizzata la sferificazione, una delle principali tecniche della cucina molecolare. Durante l’evento, uno chef mostra l’intero processo sul momento, preparando le sfere in base ai vostri gusti. Dal 4 al 9 maggio: sabato 15:00 -16:30; martedì 15:00 – 16:30; giovedì 15:00 – 16:30. Ingresso libero.

Milano Food City. Tutti gli eventi da non perdere in città su MilanoincontemporaneaLove IT (Via Rugabella, 1) dal 4 all’11 maggio propone degustazioni dedicate alla filiera sostenibile e alle eccellenze Made in Italy. Ogni giorno a pranzo i visitatori riceveranno un prodotto in omaggio. Dalle 16 alle 18 agricoltori, mastri birrai, mastri gelatai e viticoltori racconteranno i loro segreti. A seguire un aperitivo a tema con omaggi speciali. Ogni sera, lo Chef, Giovanni Chiodaroli, propone inoltre un fuori menù ispirato al prodotto del giorno orari. Orari: sabato 12:00 – 23:00; venerdì 12:00 – 23:00; giovedì 12:00 – 23:00; mercoledì 12:00 – 23:00; martedì 12:00 – 23:00; lunedì 12:00 – 23:00.

La rivista Formaggi&Consumi, lancia Cheese for People Awards. Un premio per valorizzare i formaggi tipici italiani scelti dai consumatori. L’evento è ospitato presso Il Viaggiator Goloso (Viale Belisario, 1). Dal 3 al 9 Maggio potrete degustare e votare il vostro formaggio preferito. Ingresso libero.

Da Kitchen Groove (Via Filippo Argelati, 35) dal 4 all’11 maggio, per sostenere la lotta agli sprechi è proposto un aperitivo vegetariano e vegano. Prelibatezze a base di verdure recuperate dai mercati rionali a fine giornata con vini biologici e birre artigianali. Ingresso libero. Orari: sabato 19:00 – 21:00; venerdì 19:00 – 21:00; giovedì 19:00 – 21:00; mercoledì 19:00 – 21:00; martedì 19:00 – 21:00: lunedì 19:00 – 21:00

Milano Food City. Le iniziative di Campus Food City

In occasione di Milano Food City, ecco il programma delle iniziative odierne di Campus Food City, organizzate dalle università milanesi:

Ghiacciai di Lombardia. Nella sede di via Festa del Perdono, esposti una serie di poster per suscitare nei visitatori interesse sulla variabilità e sulla qualità “dell’oro blu” della Lombardia, dalle montagne alle pianure. Venerdì 5 maggio 14:30 – 17:30. Ingresso libero

Il 5 maggio (10:00 – 11:00) da Bibitonga cafè c/o Fondazione Feltrinelli. I Matineè della sociologia: Urban Food Policy. Incontri per esplorare il rapporto tra cibo e la città che cambia. Ingresso libero. Dalle 11:30 – 13:00 (5 maggio – ingresso libero) al Ristorante Gattò un incontro sul contributo femminile allo sviluppo della città. È intitolato I Matineè della sociologia: Donne a Milano: opportunità e criticità.  Sempre il 5 maggio (14:30 – 17:30) nell’Aula G122 – Università Cattolica del Sacro Cuore il workshop Riduzione degli sprechi attraverso la donazione di cibi freschi: stato e prospettive. Ingresso libero.

L’elenco completo di tutti gli eventi è consultabile sul sito Milano Food Week e Milano Food City – Expo in città.

Orticola. La XXII edizione a Milano

Orticola. Da venerdì 5 a domenica 7 maggio 2017 (ore 9.30 – 19) ai Giardini Pubblici Indro Montanelli di via Palestro a Milano torna la Mostra Mercato di Fiori, Piante e Frutti Insoliti, Rari e Antichi.

Orticola. XXII edizione della Mostra Mercato di fiori e piante insolite - MilanoTutti noi conosciamo Orticola come l’appuntamento a carattere nazionale che consente di conoscere meglio la ricerca florovivaistica.

Dovete sapere che Orticola di Lombardia, nasce per promuovere e diffondere la cultura del giardino e del paesaggio.

Da ben 22 anni i proventi della mostra-mercato Orticola sono destinati al verde cittadino.

Infatti dall’estate 2016 Orticola si occupa della sistemazione e manutenzione dei Giardini Perego in via dei Giardini.

Orticola. Le piante italiane per il giardino italiano

La flora italiana è composta da numerose specie e generi di piante presenti in tutti gli ambienti del nostro territorio, dai rilievi montuosi fino alle spiagge. In linea con il nostro territorio, la XXII edizione di Orticola, propone quest’anno il tema Le piante italiane per il giardino italiano.

I vivaisti presenteranno al pubblico di Orticola, le specie spontanee o quelle naturalizzate nelle varie zone nazionali. Se consideriamo la diversità, di ambienti e di vegetazione, è possibile identificare quale pianta si può adattare meglio al nostro giardino, ad esempio. È importante imparare a considerare i nostri spazi verdi, come parte integrante della natura. Seguendone l’andamento, l’evoluzione, l’alternarsi delle stagioni nei diversi ambienti italiani e nei diversi climi.

Orticola. I vivaisti e le piante straordinarie

Orticola. XXII edizione della Mostra Mercato di fiori e piante insolite - MilanoOrticola rappresenta un’importante vetrina per il vivaismo di ricerca italiano. Nel corso delle sue edizioni è diventata un vero luogo di scoperta delle piante più particolari, a volte introvabili.

Quest’anno la manifestazione conta la presenza di oltre 160 espositori, e molti giovani vivaisti. Tra questi Guido Agnelli presente con piante da frutto tropicali introvabili in Europa come Theobroma cacao (il cacao) e Inga edulis (guaba) e Barone di Nassa (Responsabile Andrea Bassino), che presenta erbacee fiorite dei nostri prati, scelte tra quelle spontanee della flora italiana che possono essere adatte ai nostri giardini.

L’elenco continua con Dennis Botanic Collection (Responsabile Dennis Barroero) con frutti rari e inconsueti del Mondo, come la mora di Gelso cinese, il babaco, la pitanga. Il vivaio Salto del Prete, che espone piante delle colline e della pianura mediterranea.

E ancora Novaspina (Responsabile Davide Dalla Libera), il più giovane ibridatore di rose; i ragazzi di Res Naturae con la collezione di rabarbari. Ladre di Piante con una importante collezione di Ortensie, Arborea Farm con piante acquatiche della flora italiana per la fitodepurazione. Giardino della Moscatella con le piante tipiche delle campagne pugliesi.

Orticola. Piante insolite

Orticola. XXII edizione della Mostra Mercato di fiori e piante insolite - MilanoPiante Innovative con piante dalle mille proprietà, come la pianta dei pappagalli i cui frutti maturi sono utilizzati nei giubbotti di salvataggio e per assorbire l’olio dal mare. E ancora la “Pianta cerotto”, una Kalanchoe che si mangia, usata per curare molti disturbi o la Monarda didyma comunemente detta thè Oswego o menta bergamotto.

Botanika, presenta una selezione di piante spontanee dei nostri boschi e dei nostri campi, adatte a tutti i climi e esposizioni, e la collezione di iris barbata storici e rari di Laura Buonadonna de “L’insolito giardino” e le orchidee tropicali di Giulio Celandroni.

Ritorna Gérard Weiner, che porta un’eccezionale collezione di piante trovate in tanti paesi e in zone dal clima classificato come mediterraneo. Mauro Zanelli, presenta specie di Cypripedium, Epipactis e Dactylorhiza. Orchidee spontanee della flora italiana introvabili altrove.

Orticola. Le associazioni e i momenti d’incontro

Sono tante le associazioni, che hanno organizzato dimostrazioni floreali e visite guidate a tema. Oltre ad ABA (Associazione Botanica Amatoriale), A.Di.P.A. (Associazione per la Diffusione di Piante Amatoriali), Garden Club, SOI (Società Ortoflorofrutticoltura Italiana), e Hortives, che lavora al progetto di raccolta e registrazione di semi degli ortaggi tradizionali di tutte le regioni italiane. Durante Orticola,  Hortives realizza anche un allestimento che mostrerà l’ubicazione delle verdure tipiche italiane regione per regione, dal peperone bianco mantovano alla lenticchia di Norcia, dall’aglio di Resia al cavolo di Torzelle.

Allestiti nelle tre aree a disposizione e negli stand dei vivaisti, sono i corsi. Una tradizione a Orticola per divulgare la conoscenza e la salvaguardia del verde in tutte le sue espressioni.

Il venerdì è il giorno degli appassionati e dei collezionisti, il sabato e la domenica sono i giorni con più incontri: corsi, dimostrazioni e presentazioni di libri. Anche ai bambini sono dedicate della attività in particolare di domenica con corsi speciali (i genitori saranno liberi di godersi la mostra).

Orticola. I servizi per i visitatori

Orticola è una manifestazione organizzata in modo da essere attenta alle esigenze del pubblico. I biglietti d’ingresso possono essere anche acquistati on line per evitare code alle casse su www.orticola.org  e su midaticket.it (costo Euro 10). In più è previsto il deposito piante, per lasciare i propri acquisti in attesa del ritiro, la consegna a domicilio di fiori e piante grandi. Il servizio carriole fai da te e il quello di trasporto all’interno della mostra. E ancora momenti di relax nelle zone ristoro allestite da Fermob con colorati e allegri arredi in metallo.

Orticola. Fuori dai cancelli dei Giardini Pubblici

Orticola. XXII edizione della Mostra Mercato di fiori e piante insolite - MilanoAnche quest’anno appuntamento in città con Fuori Orticola. Sono previste interessanti iniziative, come Orticola al Museo. Vi aderiscono le Gallerie d’Italia, il Museo Bagatti Valsecchi, il Museo Poldi Pezzoli, la Pinacoteca di Brera, e GAM – Galleria d’Arte Moderna.

Il programma della GAM prevede conferenze dedicate sia alle piante spontanee nei giardini storici, sia ad alcune opere della collezione esposta in Galleria. A queste seguono visite guidate alla scoperta dei Giardini di Villa Belgiojoso e delle opere. Potete partecipare inoltre alle passeggiate botanico-naturalistiche nel giardino settecentesco, a cura di IBH, Italian Botanical Heritage. Tutte le iniziative sono gratuite.

Il progetto per il “Giardino di Palazzo Reale” a Milano. Collocato nel secondo cortile aperto sulla via Francesco Pecorari, presenta un giardino pubblico definitivo con un investimento iniziale che dura nel tempo. Il giardino è un omaggio alla città e alla tradizione meneghina.

Inoltre CityLife, in collaborazione con Orticola di Lombardia, prosegue il progetto di riqualificazione del quartiere Fiera di Milano. Continua la realizzazione dell’area “Orti Fioriti”, ideata dall’architetto paesaggista Filippo Pizzoni e realizzata con l’aiuto di Susanna Magistretti di Cascina Bollate.

Orticola. Info e biglietti

Vi ricordiamo che acquistando il biglietto darete il vostro contributo alla raccolta fondi destinata alla cura del verde.

XXII Edizione di Orticola – Mostra Mercato dal 5 al 7 maggio dalle 9:30 alle 19:00

Via Palestro – Piazza Cavour – Via Manin 2 – Milano

Orticola vi porta nei Musei di Milano. Con il biglietto di ingresso si ottengono condizioni privilegiate, accesso a programmi e attività dedicate

La mostra New York New York a Milano

Da Depero a Mulas, una mostra alla scoperta degli Stati Uniti visti con gli occhi dei grandi artisti italiani del Novecento.

 

Fortunato Depero

Fortunato Depero
Grattacieli e Tunnel, 1930
68×102 cm
tempera su carta
Mart, Museo di Arte Moderna e contemporanea
di Trento e Rovereto. Fondo Depero
© MART – Archivio Fotografico e Mediateca

La mostra NEW YORK NEW YORK. Arte Italiana: la riscoperta dell’America, curata da Francesco Tedeschi con Francesca Pola e Federica Boragina,  è promossa dal Comune di Milano – Cultura, Museo del Novecento e Intesa Sanpaolo – Gallerie d’Italia, in collaborazione con la casa editrice Electa.

Un percorso articolato che ha come punto di partenza il soggiorno negli anni Venti del futurista Fortunato Depero negli States e arriva con Ugo Mulas fino alla fine degli anni Sessanta.

 

Museo del Novecento

Negli spazi del Museo del Novecento è restituito l’immaginario americano degli artisti italiani e il rapporto di ciascuno con New York con opere di Afro, Paolo Baratella, Corrado Cagli, Pietro Consagra, Giorgio De Chirico, Fortunato Depero, Tano Festa, Lucio Fontana, Emilio Isgrò, Sergio Lombardo. Senza dimenticare Titina Maselli, Costantino Nivola, Gastone Novelli, Vinicio Paladini, Arnaldo Pomodoro, Mimmo Rotella, Alberto Savinio, Toti Scialoja, Tancredi, Giulio Turcato. Una sezione a sé è dedicata all’opera fotografica di Ugo Mulas e al suo incontro con gli artisti protagonisti dell’arte americana raccontato con oltre 500 scatti, tra il 1964 e il 1967, nel volume”New York: arte e persone”.

tano festa

Tano Festa
Cielo Newyorkese, 1966
161×130 cm
acrilico su tela
Mart, Museo di Arte Moderna e contemporanea
di Trento e Rovereto. Collezione VAF – Stiftung
© MART – Archivio Fotografico e Mediateca

Gallerie d’Italia

Nelle Gallerie d’Italia a Piazza Scala è invece proposta un’ampia ricostruzione dei rapporti con le istituzioni, le gallerie e i collezionisti americani che hanno valorizzato la presenza artistica italiana sul territorio americano. Apartire dalla mostra “XX Century Italian Art” del 1949 al Museum of Modern Art di New York (MoMA) con opere di Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Carlo Carrà, Giorgio Morandi, Massimo Campigli, Marino Marini, Virgilio Guidi, Renato Guttuso, Fausto Pirandello, Armando Pizzinato, Alberto Viani, Carla Accardi, Afro, Gianfranco Baruchello. E anche Enrico Baj, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Alik Cavaliere, Ettore Colla, Pietro Consagra, Piero Dorazio, Domenico Gnoli, Lucio Fontana, Pino Pascali, Achille Perilli, Michelangelo Pistoletto, Arnaldo Pomodoro, Mimmo Rotella, Giuseppe Santomaso, Mario Schifano, Francesco Somaini, Toti Scialoja ed Emilio Vedova.

Giuseppe Capogrossi

Giuseppe Capogrossi Superficie 154, 195680×100 cmolio su telaCollezioni Intesa Sanpaolo© Archivio Attività Culturali, Intesa Sanpaolo,foto Paolo Vandrasch

Infine, per mettere in risalto il dialogo con gli artisti d’oltreoceano, sono presenti opere di importanti esponenti dell’arte d’oltreoceano quali Alexander Calder, Willem De Kooning, Arshile Gorky, Franz Kline, Conrad Marca Relli e Cy Twombly.

 

NEW YORK NEW YORK. Arte Italiana: la riscoperta dell’America

Dal 13 aprile al 17 settembre 2017

Sedi: Museo del Novecento – Via Marconi 1 | Gallerie d’Italia, Milano – Piazza della Scala 6
Biglietto: Intero 10 €, Ridotto 8 Euro

Il biglietto d’ingresso della prima sede visitata dà diritto all’ingresso a 5
euro nella seconda sede e include la visita al Museo del Novecento
La visita alle due sedi può avvenire anche in data diversa.