5 proverbi per scoprire Milano: tutti in dialetto, uno per quartiere e spiegati da Omnibus

Milano è da sempre un crogiolo di popoli, un crocevia di strade e strati.  Oltre a piazze, libri, leggende ed eventi, anche i modi di dire e il dialetto parlato possono essere valide guide per scoprire un lato nascosto, della tradizione ma ancora assai vivo nella nostra città. Ne abbiamo trovati 5 attraverso una guida molto speciale. continua a leggere 5 proverbi per scoprire Milano: tutti in dialetto, uno per quartiere e spiegati da Omnibus

Storie milanesi, Milano nascosta: STENDHAL, IL MILANESE – di Giovanna Ferrante

Secondo appuntamento a spasso per Milano e la Storia. Giovanna Ferrante, autrice, studiosa, donna di grande cortesia riprende il “sugo” lasciato al Manzoni e ci porta a scoprire la nostra città in compagnia di Marie-Henri Beyle, noto come Stendhal. Paola PERFETTI | di GIOVANNA FERRANTE.continua a leggere Storie milanesi, Milano nascosta: STENDHAL, IL MILANESE – di Giovanna Ferrante

Milano un cantiere pre-Expo: guida gratuita ai percorsi d’arte

Mani dietro la schiena. Un po’ di dialetto milanese. Qualche nozione storica ed un vecchietto per amico. Ecco, siete pronti ad affrontare questa giornata nel contemporaneo e nei cantieri di Expo Milano, quelli sul restauro dei beni monumentali a costo zero per la salvaguardia e la tutela del patrimonio ambientale e culturale della città.

Ci stanno lavorando due delle più qualificate società di restauro italiane, Gasparoli Srl e Studio Restauri Formica Srl, sotto la guida del Prof. Amedeo Bellini e dell’Arch. Marcello Sita, e la supervisione della Soprintendenza per i Beni e le Attività Culturali di Milano e del R.U.P. Ing. Massimiliano Papetti. Sono all’opera dalla scorsa primavera (l’intervento durerà 400 giorni anche grazie alla formula della sponsorizzazione e del coordinamento tra sovvenzioni pubbliche – il Comune – ed i privati come EXPONSOR Art in progress,TMC Pubblicità srl, Acone srl ed Externa Spa).

Oggi sarà la prima di due giornate che Exponsor Art in progress mette a disposizione con ingresso gratuito per accompagnare i cittadini in un viaggio nella Milano di ieri e di domani.

Uno dei 15 monumenti di Milano su cui sta lavorando Exponsor Milano e che verranno visitati nel corso delle guide gratuite per i cantieri artistici della città

Uno dei 15 monumenti di Milano su cui sta lavorando Exponsor Milano e che verranno visitati nel corso delle guide gratuite per i cantieri artistici della città

Chi. Architetti, professori e restauratori sono pronti a raccontare l’intervento di restauro ai 15 monumenti milanesi inseriti nel progetto Exponsor Art in progress, simboli della Milano antica, come Porta Nuova e Porta Ticinese; della Milano religiosa, come i monumenti dedicati ai santi Giovanni Nepomuceno, San Lazzaro, San Calimero e San Francesco, o l’obelisco del Piermarini; di una Milano risorgimentale con il Monumento a Giuseppe Missori, a Sirtori, ai Caduti di Mentana, a Napoleone III e quello al Bersagliere; la Milano costruita nel tempo grazie al genio di personaggi illustri, come testimoniano i Monumenti che celebrano l’imperatore Costantino, Cesare Beccaria e Leonardo da Vinci.

Come. Le visite sono prenotabili online al sito “www.exponsor.it” accessibile a tutti selezionando la fascia oraria d’interesse. A prenotazione avvenuta l’utente riceverà una mail di conferma.

Quando. Sabato 18 e 25 ottobre 2014, dalle ore 10.00.

Cosa. Ha aderito il FAI – Fondo Ambiente Italiano, per portarci alla scoperta di alcuni dei più bei monumenti milanesi sottoposti ad un delicato intervento di restauro e pulizia.

Ph. Exponsor Milano

Ph. Exponsor Milano

La visita ai cantieri è una tappa obbligata del progetto Exponsor Art in progress, innovativa risposta all’inderogabile richiesta d’intervento di recupero e restauro per la salvaguardia dell’inestimabile patrimonio artistico milanese. I monumenti sono tutti oggetto di un delicato lavoro di restauro e di protezione delle superfici, danneggiate nel corso degli anni dall’azione di agenti atmosferici, dall’inquinamento e da atti di vandalismo” ci dicono gli organizzatori.

Non fate i baluba!

Lezioni di Milanes, corsi di lingua per veri polentoni di Milanoin

Viaggio nel dialetto milanese

Noio volevan volevon savuar l’indiriss, dicevano Totò e Peppino appena arrivati a Milano. Un po’ come in Benvenuti al Sud, esorcizzando i soliti stereotipi tra Settentrione e Meridione della nostra Bella italia, scendevano dal treno ed arrivavano sotto la Madonnina tutti incappucciati e con colbacco al seguito.

“Giù al Nord” infatti, si dice che ci sia sempre la nebbia: sfatiamo questo mito, anche se gli ultimi bollettini meteo non ci sono di supporto, e piuttosto ammettiamo una sacrosanta verità. Per quanto noi “polentoni” ci distinguiamo per una dizione strascicata e le “A” aperte (provate a dire a voce alta “POLPéTTA”, “COTOLèTTA”…), a Milano si sta perdendo il dialetto. Se vi dicessimo: «Ch’el me scusa, lù el parla in milanés?». Ecco, non ci siamo capiti…continua a leggere Lezioni di Milanes, corsi di lingua per veri polentoni di Milanoin