Il barber shop ritrovato: Antica Barberia Giacalone

Giorno di festa o inizio delle vacanze? Beh, se siete indecisi su dove trascorrere una giornata #incontemporanea ed inusuale, ecco una proposta molto “Milanointrasferta“.

Ricordate di quando vi abbiamo parlato di barber shop, mood vintage, Proraso? E tutte le belle occasioni che ci ha regalato il FAI quest’anno?

Bene, prendete il treno o l’auto e dirigetevi verso Genova.

Proraso e Fondo per l’Ambiente Italiano hanno fatto tornare all’antico splendore l’Antica Barberia Giacalone nel centro storico della città della Lanterna, cioè Vico Caprettari, 14.

Nata nel 1882 dal barbiere Giacalone e rinnovata nel 1922 dal figlio Italo, oggi la bottega è un mini-gioiello della Belle Epoque in perfetto stile Art Decò. Riapre proprio oggi!

barbiere GiacaloneAppena varcata la soglia, ecco davanti a voi giochi di luci ed ombre disegnati da antichi lampadari a goccia su specchi dalle forme sinuose che si alternano alle vetrate a cattedrale multicolore che spaziano dal verde smeraldo al blu cobalto, con riflessi giallo oro. Alle pareti, dettagli lucenti che celano origini bizantine s’incastonano perfettamente alle pareti in maiolica.

Un luogo di culto visitabile dal martedì al sabato dalle 9:00 alle 18:00 – 010-256791.

Buona Milano e anche i suoi dintorni!

www.proraso.com
www.fondoambiente.it

Stayin’ Alive, la Febbre del Sabato Sera contagia Milano

 

Giovanissimi e pronti a scatenarsi al ritmo di Stayin’ Alive e Disco Inferno. Una scarica di adrenalina pura che si irradia dal palcoscenico del Teatro Nazionale di Milano: sono i protagonisti de La Febbre del Sabato Sera, versione made in Italy della pellicola culto degli anni ’70 ‘Saturday Night Fever’ con protagonista John Travolta.

Il musical, prodotto da Stage Italia, sarà in scena a Milano fino al prossimo 27 gennaio, ma non solo: grazie alla partnership siglata fra la casa di produzione e vente-privee.com, i biglietti dello spettacolo sono stati in vendita a prezzi ridotti
in esclusiva, online, solo fino a poche ore fa. Quale regalo di Natale più insolito per chi è ancora indeciso sugli acquisti da mettere sotto l’albero?

Ma torniamo al musical: atmosfere seventies, una New York ricostruita pezzetto per pezzetto grazie alle scenografie in movimento, da Brooklyn a Manhattan, dalla mitico club Odissey al negozio di pittura dove lavora Tony, e una colonna sonora che sicuramente ciascuno di voi conoscerà già a memoria. A fare da filo condurre allo spettacolo sono infatti le canzoni dei Bee Gees, da How Deep Is Your Love a Night Fever.

A vestire i panni di Tony Manero, nella versione milanese, il giovanissimo Gabrio Gentilini, 24 anni e già un curriculum di tutto rispetto alle spalle.

Alessia Casiraghi, talentuosa redattrice di EJOURNAL (la conosciamo bene e ci fidiamo ;-)) lo ha intervistato per Milanoincontemporanea, nel suo camerino, poco prima dello show: gelatina fra i capelli e pantaloni a zampa…continua a leggere Stayin’ Alive, la Febbre del Sabato Sera contagia Milano