Binario 21: viaggio nella memoria per non dimenticare la Shoa

Immagini dal Binario 21 dentro il Memoriale della Shoah a Milano: sotto Stazione Centrale batte un cuore ferito della storia nera di Milano. continua a leggere Binario 21: viaggio nella memoria per non dimenticare la Shoa

Milano nella Giornata della Memoria: gli appuntamenti in memoria dello Shoah

Ognuno ha i suoi punti di vista, ognuno ha la sua visione della storia, ma a noi di Milanoincontemporanea piace ricordare che oggi è il Giorno della Memoria, il giorno in cui le truppe sovietiche entrarono ad Auschwitz e mostrarono al mondo le atrocità della Seconda Guerra Mondiale e dei lager in cui erano stati deportati milioni di ebrei.
In questa giornata di sole, che allora – era il 27 gennaio 1945 – coincise con uno squarcio nel velo dell’indiferrenza e dell’ignoranza rispetto a quello che accadeva veramente tra Germania e Polonia, Milano ricorda le vittime dello Shoah e lo fa partendo dall’atroce Binario 21 della Stazione Centrale, quello da cui 15 convogli partirono diretti ai campi di prigionia. Ma i momenti commemorativi, celebrativi e di ricordo delle vittime non è l’unico a cui si potrà partecipare. Molti gli eventi in città previsti per oggi, ne abbiamo segnati da parte qualcuno.

Stazione Centrale. Il Memoriale da 7 mila metri quadrati nella pancia della stazione Centrale reca bene in grande la scritta “indifferenza”, – «la quintessenza che rese possibile la Shoah», ha detto Liliana Segre, una delle poche persone tornate dai campi di sterminio (quando partì con suo padre aveva appena 13 anni). Una struttura immensa voluta e aperta al pubblico grazie alla Fondazione per il Memoriale della Shoah, divisa in cinque campate e composte da atrio, ricevimento dei visitatori; un’area riservata alle mostre permanenti, il Binario della destinazione ignota ed il Muro dei Nomi: tutto con il calcestruzzo originario, mette bene in mostra come fu e come avvenne lo scempio della deportazione nei campi di prigionia.
Visite guidate e ciceroni d’eccezione – tra cui Gad Lerner, Lella Costa, Gioele Dix, Natalia Aspesi, Raffaele Morelli, Ferruccio de Bortoli – sono previste per oggi, sia libere che guidate, dalle ore 10 alle ore 17 (orario dell’ultimo ingresso). La visita è gratuita, escluso 1,50 euro per costi di gestione prevendita. E’ consigliabile la prenotazione della visita, che avrà una durata prevista di circa 50 minuti in forma sia libera sia guidata, sul sito TicketOne www.ticketone.it, selezionando la fascia oraria desiderata (fonte: Il Sole 24 Ore).
Per informazioni.

Sala Alessi, Palazzo Marino. Dalle ore 18, narrazione delle letture sceniche in omaggio del partigiano Vincenzo Gigante, medaglia d’oro della Resistenza, ucciso a Trieste nella risiera di San Sabba (ingresso gratuito su prenotazione allo 02/64749997).

Teatro Leonardo di Milano. Alle ore 19.30 il secondo appuntamento della rassegna “Libri a Teatro” è incentrato sul Dizionario affettivo della lingua ebraica, dal romanzo di Bruno Osimo (al termine assaggi di vino e cibi; ingresso 7 euro). A seguire, alle ore 21.30 “Farfalle”, il monologo di e con Andrea Robbiano che racconta la storia vera di una cartolina arrivata in ritardo di quasi settant’anni da un campo di prigionia, scritta da un padre alla moglie e ai figli per tranquillizzarli (ingresso 13 euro).

Biblioteca Sormani. Alle ore 18, conferenza con proiezione video e lettura di brani tratti dal romanzo di Paola Fargion: «Diciotto passi. Identità ebraica e Shoah». Presenta Giulia Ichino e accompagna al violino Patrizia Bettiga.

Sala Verdi del Conservatorio G. Verdi di Milano. Dalle ore 20, concerto di commemorazione gratuito e aperto al pubblico dedicato alla “Musica della Memoria” e ai musicisti ebrei perseguitati. Introdurrà Ferruccio de Bortoli, tra gli ospiti anche Liliana Segre. L’evento è organizzato, oltre che dalla stessa Fondazione, dall’Associazione Figli della Shoah, dal Conservatorio G. Verdi di Milano, dalla Fondazione CDEC e dalla Comunità Ebraica di Milano.
Al Conservatorio anche: http://www.consmilano.it/index.php?id=886
Teatro Franco Parenti. Dalle ore 20, Moreno Gentili cura «Musiche degli Architorti»: percorso tra letture, riflessioni, musiche e canti..

Spazio Teatro No’hma: registrazione dello spettacolo «La voce degli assenti» Yad Vashem, da un soggetto di Charlie Owens con Alberto Meomartini.

Spazio Seicentro-A. Fois, in via Savona 99, si terrà una mostra dal titolo «Stuck» sui prigionieri dei campi nazisti.

APPENA FUORI MILANO: A Peschiera Borromeo, Teatro De Sica, ore 21_ concerto in occasione della Giornata della memoria dal titolo “Un clarinetto nel lager”, ingresso gratuito.

 

Queste sono alcune delle occasioni per non dimenticare e per custodire nella cultura contemporanea la memoria di quello che non deve più succedere.