Brain: per questa mostra a Milano ci vuole “cervello”

Preparatevi a fare un tuffo nel passato e a tornare un po’ bambini, perché, ammettetelo, anche voi mancate dal Museo di Storia Naturale di via Palestro da un bel po’. Mettetevi nella predisposizione di giocare con voi stessi, e rendervi conto che il vostro cervellino nasconde delle parti di voi che non pensavate di avere. Per esempio? Sapete tracciare una stella allo specchio, nascondendo la mano? Avete mai visto un neurone in tutto il suo “splendore”? Seguite l’omuncolo al centro della prima sala di “BRAIN. Il Cervello. Istruzioni per l’uso”, fino al 13 aprile 2014. Ecco nuova mostra con la zampino di 24 Ore Cultura (già nostro ospite per l’Autunno Americano e le mostre di Pollock e Warhol a Palazzo Reale), e vi accorgerete che…

Il nostro cervello è una festa di colori e impulsi – nell’installazione dell’artista Daniel Canogar, e non impressionatevi per il cervello VERO in plastilina.

Giocare con la lente e le Forme conosciute ci insegna che siamo naturalmente portati a riconoscere in quello che ci circonda solo oggetti noti, ma non sedetevi sugli allori…

BRain 05

non tutti i rumori sono quelli che sembrano. Spesso la vista inganna (provate a guardare nella fessura dopo lo “scroscio d’acqua”), eppure tutto il mondo è paese.

Brain 06

Le espressioni di felicità e dolore sono universalmente riconosciute; la difficoltà di imparare le lingue e ripetere i suoni si fa sempre più grande.

E poi ci sono l’incontro tra i neuroni, gli impulsi nervosi che si muovono e si creano sotto le nostre mani: è una meraviglia ed un viaggio affascinante questo esperimento dentro al cervello umano. Incredibile l’evoluzione nel mondo naturale e animale. Incredibile pensare che questi pannelli, giochi intellettivi, ricostruzioni fisiche e fisiologiche siano allestite là dove, da decenni, si trovano le collezioni della istituzione museale numero 1 e tra le più antiche di Milano.

Brain 09

Brain 10

Il Museo della Scienza della Tecnica nacque nel 1873. Si ricostruì dopo i bombardamenti, era il 1943. Oggi conta più 4 milioni di pezzi in 8 spazi specifici richieste dai privati; vanta una biblioteca scientifica da 150 mila volumi, con grandi riviste, pubblicazioni scientifiche. Peccato che il Museo sia lasciato un po’ in stato di abbandono. Questo 2013 per lui sarà un bel compleanno, e non poteva che celebrarlo in grande, dopo la grande mostra di quattro anni fa dedicata a Darwin…

Il formarsi delle sensazioni saperi emozioni raccontato in mostra con la cura di Rob DeSalle (main sponsor, Novartis) è un percorso nella Scienza che mira a riportare il grande pubblico in uno dei luoghi-simbolo della nostra città, nell’Autunno Americano che si spera sia sempre più milanese.

Una mostra nata dopo quattro anni di lavoro promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura, Codice. Idee per la Cultura, 24 Ore Cultura – Gruppo 24 Ore e nasce da una collaborazione fra il Museo di Storia Naturale di Milano e l’American Museum of Natural History di New York.

Un viaggio nella cultura per chi abbia voglia di riflettere sul tema posto dal curatore: siamo i soli sulla Terra a pensare al nostro pensiero. E così, navigando nella mappatura del cervello tra le 7 sezioni della mostra, partendo dalle componenti principali, passando per i sensi e le emozioni, quanto siano importanti, le combinazioni complesse della nostra storia evolutiva e poi le connessioni, le lingue, il cervello pensante, quello mutevole persino il cervello del futuro, “Brain” diventa un momenti per apprendere, o per lo meno per cominciare a capire la complessità del cervello, la sua meraviglia, la sua energia. Con tanti saluti, alla fine del percorso super interattivo e divertente, dello pterodattilo inamovibile ;-).

Brain – Il cervello, istruzioni per l’uso
a cura di Rob DeSalle
Museo di Storia Naturale di Milano
Corso Venezia 55
Fino al 13 aprile 2014
www.mostrabrain.it

Milano estemporanea – jazz, Warhol, la Rinascente e un Gomitolo rosa così

A Milano la colonnina del mercurio segnerà pure +22°, ma ormai la città della Madonnina si è dovuta arrendere al fatto di indossare “il cappello dell’autunno”, anzi, ad essere più precisi si tratta di un “Autunno Americano“, la grande stagione di mostre, presentazioni, conferenze, tavole rotonde, aperitivi…

Sarà un “Autunno americano” con Andy Warhol, Jackson Pollock, una stagione che profuma di pop art, di maxi installazioni, di 4 vetrine coloratissime che in la Rinascente – quella parte affacciata su via Santa Radegonda – ieri sera hanno risuonato della jam session di Felice Clemente, sassofonista strepitoso. Per un’ora mezzo, anziché “Oh mia bela Madunina“, fuori dal Duomo e dentro la “cattedrale dei grandi magazzini” si è ballato swing. Ma non è tutto.

Attesa per oggi a grande performance di Gomitolo Rosa, in arrivo direttamente dal Fidenza Village. Arrivando fino alla fine di Corso Vittorio Emanuele, nella suggestiva Piazzetta San Carlo, dalle 10 di questa mattina ci troveremo avvolti da un maxi Gomitolo nel colore “delle femmine” del diametro di 2 metri (impossibile non vederlo!) la cui realizzazione è stata affidata a scenografi ed artisti di grande fama per supportare la promozione e la prevenzione contro il cancro al seno.

Gomitolo Rosa

Cosa accadrà? La fettuccia finale del gomitolo verrà tesa fino al colonnato della chiesa e su di essa si esibiranno tre atlete di “slackline“, una versione rinnovata e acrobatica dell’equilibrismo su filo con T-shirt rosa.

Anche questa manifestazione fa parte di un più ampio progetto autunnale: “a Touch of Chic for Gomitolo Rosa” è la pop up boutique che nel village piacentino racconta la campagna ““A Touch of Chic” per imparare a conoscere il valore della lana, i segreti delle materie prime più antiche al mondo e le sue qualità, anche benefiche, grazie al sostegno concreto a favore di Gomitolo Rosa.

Insomma, più o meno da lontano tutto il mondo pare convergere su Milano. Sarà tanto un autunno estemporaneo e contemporaneo questo, sembra proprio…